“Abbiamo accolto 27 scheletrini, perchè fanno paura?” | Ecco le foto dalla Diciotti

Il deputato di +Europa è salito sulla nave Diciotti, bloccata mnel porto di Catanzaro. Ecco qual'è la situazione a bordo.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Abbiamo accolto 27 scheletrini, il più magro sarà stato un po’ più basso di me e sarà pesato una trentina di chili, la gamba con lo stesso diametro del mio polso” è la testimonianza di un’operatrice umanitaria presente allo sbarco dei minori, tra cui due ragazze, dalla nave Diciotti, ieri sera al porto di Catania.  “Uno non riusciva a camminare perché era pieno di dolori- prosegue l’operatrice nel resoconto apparso sul sito dell’ong ‘Terre des hommes’- tre avevano delle bende lerce al polso, al piede e al braccio sparato”.

“Ieri sera eravamo in grosse difficoltà con la lingua, i fanciulli erano tutti eritrei tranne una ragazzina somala. Il mediatore non era potuto essere presente. A volte non restava che guardarci, domandarci con gli occhi: ma quindi come va, come ti senti?- racconta ancora la lavoratrice di ‘Terre des Hommes’- mentre ci scambiavamo questi sguardi io pensavo, a dispetto della incredibile magrezza, della scabbia, delle orecchie a sventola, dei capelli arruffati di salsedine, delle bende lerce, del braccio sparato… pensavo che erano proprio belli”.

“In quei frangenti mi sono chiesta perché così tante persone siano arrabbiate e di cosa abbiano paura. Di due occhi che ti sorridono? Di due orecchie a sventola enormi? Di quattro ricci arruffati? Forse, del fatto che loro hanno perso la capacità di fidarsi dell’altro, forse perché non ce l’hanno mai avuta?” conclude l’operatrice umanitaria.

Magi (+EU) sulla Diciotti: ecco le foto dalla nave

“Grazie al lavoro e alla disponibilità della Guardia Costiera e tutte le organizzazioni impegnate nel porto di Catania. Questa è la situazione a bordo della Diciotti da ormai 8 giorni. Sulla nave ho parlato a lungo con il Comandante. È un’imbarcazione per salvare vite in mare non per protrarne per giorni la permanenza a bordo”. Così su Facebook Riccardo Magi, deputato di +Europa e segretario di Radicali italiani, salito a bordo della Diciotti, che si trova da giorni al porto di Catania, senza però poter far sbarcare i migranti che sono a bordo.

 

 

 

 

 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»