Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Tg Politico Parlamentare, edizione del 23 luglio 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NO GREEN PASS, DOMANI MANIFESTAZIONI IN TUTTA ITALIA

Proteste in tutta Italia domani contro le nuove norme sul green pass in vigore dal 6 agosto. Le manifestazioni, convocate attraverso i social, si svolgeranno alle 17.30 in contemporanea in una cinquantina di citta italiane: da Roma ad Aosta, da Ragusa a Trieste. I promotori chiamano alla mobilitazione contro “il passaporto schiavitù, gli obblighi vaccinali, la truffa Covid, la dittatura”. Ieri l’invito a vaccinarsi di Mario Draghi e l’attacco a Matteo Salvini: “L’appello a non farlo- ha detto il premier- è un appello a morire”. Salvini si dice “sorpreso” da Draghi, mentre Giorgia Meloni parla di “parole di terrore”. Intanto, il presidente della Camera Roberto Fico ha avviato un’istruttoria per valutare l’introduzione del green pass a Montecitorio. Nel frattempo monta lo scontento dei gestori di discoteche, tanto che alcuni hanno deciso di fare ricorso al Tar contro la chiusura delle sale da ballo.

COVID, A GIUGNO CONTAGI SUL LAVORO AL MINIMO STORICO

Calano i contagi da Covid sul posto di lavoro. A giugno sono stati solo 157. E’ il dato più basso registrato da un anno e mezzo a questa parte, a conferma del trend decrescente iniziato a febbraio. Uno studio dell’Inail rileva che dall’inizio della pandemia sono 682 i morti a causa del Covid sul posto di lavoro. Sono circa un terzo del totale degli infortuni con esito mortale e incidono per lo 0,5% rispetto al complesso dei deceduti nazionali da Covid. A morire sono soprattutto gli uomini, ben 8 su 10, e i lavoratori nelle fasce di età 50-64 anni (il 72,1%). Al Nord-Ovest spetta il primato negativo dei casi mortali. Terribile il bilancio in Lombardia, dove si sono verificati il 26% dei decessi.

MATTARELLA, GLI AUGURI DEI POLITICI PER GLI 80 ANNI

Auguri da tutto il mondo politico a Sergio Mattarella, che oggi compie 80 anni. Il capo dello Stato ha deciso di dedicare la giornata alla famiglia, festeggiando con i figli e i nipoti. Messaggi di stima e apprezzamento sono arrivati da tutte le parti politiche, per un compleanno che cade a una decina di giorni dall’inizio del semestre bianco, che verrà inaugurato il 3 agosto. Sei mesi che segnano la fine dei sette anni al Colle di Mattarella e nei quali verrà meno il suo potere di sciogliere le Camere. Mario Draghi ne ha sottolineato “l’equilibrio e la saggezza”. Per Silvio Berlusconi Mattarella è “un autorevole garante delle istituzioni democratiche”. Mara Carfagna e Luigi Di Maio parlano di “un punto di riferimento”, mentre Matteo Renzi ricorda che “i grillini lo volevano mettere in stato di accusa per alto tradimento. Per fortuna- dice l’ex premier- hanno cambiato idea anche su quello”.

RAFFORZAMENTO DEL PARTENARIATO TRA ITALIA E ISRAELE

Italia e Israele sempre piu’ vicini. Il presidente del Consiglio dei ministri, Mario Draghi, ha avuto oggi una conversazione telefonica con il primo ministro israeliano, Naftali Bennett. Ne dà notizia Palazzo Chigi spiegando che “il fruttuoso scambio di vedute si è concentrato sulla collaborazione bilaterale e multilaterale per la comune lotta alla pandemia e per la transizione energetica. Al centro del confronto anche l’ulteriore rafforzamento del partenariato italo-israeliano nei promettenti settori della cooperazione scientifica, tecnologica e industriale.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»