Coronavirus, Guerra (Oms): “Bene la Cina, sta facendo tutto il necessario”

"Senza incertezze o debolezze, la Cina ha imposto una trasparenza assoluta e totale anche rispetto all'identificazione del genotipo"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Le autorita’ sanitarie e politiche della Cina hanno fatto tutto cio’ di cui c’era bisogno, senza alcun tipo di debolezza e incertezza”: cosi’ oggi Ranieri Guerra, direttore generale aggiunto dell’Organizzazione mondiale della sanita’ (Oms), intervistato dall’agenzia Dire sull’epidemia di polmonite originata dal nuovo coronavirus. Nel colloquio, telefonico, il dirigente italiano non menziona solo l’isolamento delle citta’ di Wuhan e Huanggang.

“La Cina – sottolinea Guerra – ha imposto una trasparenza assoluta e totale anche rispetto all’identificazione del genotipo, dimostrando di aver compiuto progressi notevolissimi rispetto a 15 anni fa”.

Secondo il direttore generale aggiunto dell’Oms, i provvedimenti fin qui adottati sono “ragguardevoli” anche alla luce di una situazione particolarmente complessa. “E’ il Capodanno lunare – sottolinea Guerra – e c’e’ da fronteggiare un movimento di massa interno che ha una sua dinamica e un peso di grande rilevanza”.

L’intervista si tiene mentre a Ginevra e’ in corso una nuova riunione dell’Oms dopo il primo incontro di ieri. Il direttore generale dell’Organizzazione, Tedros Ghebreyesus, ha comunicato che per ora non e’ stata dichiarata l'”emergenza globale”.

Secondo Guerra, in attesa dell’esito del nuovo incontro va ricordato che “l’Oms non ha capacita’ autonoma contro o a favore di certe posizioni” e che “le autorita’ nazionali sono sovrane e decidono cosa fare, come e quando farlo”. Ancora il direttore generale aggiunto: “Noi possiamo solo prendere atto e garantire la cogenza dell’applicabilita’ di certi regolamenti sanitari”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

23 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»