Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Le cene di Natale e Capodanno? A Bologna le offre la Coop

cucine popolari pranzo natale poveri
I pasti del 25 e del 31 dicembre per i 230 ospiti accolti nelle strutture del Piano freddo saranno offerti da Coop Alleanza 3.0 e dai consigli di Zona. Ai fornelli saranno sempre quelli delle Cucine Popolari.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – A Bologna, la cena di Natale e del 31 dicembre per tutti i 230 ospiti accolti nelle strutture del Piano freddo sarà offerta da Coop Alleanza 3.0 e dai consigli di Zona Bologna Centro, Bologna Emilia Ponente e Bologna San Donato-San Vitale. E i fornelli saranno sempre quelli delle Cucine Popolari.

Coop Alleanza 3.0 ha deciso di ri-usare le risorse di solito destinate ai momenti di convivio e auguri tra i volontari e i soci per fornire il necessario utile a preparare i pasti, vista l’impossibilità di festeggiare a causa dell’emergenza coronavirus: con una donazione di prodotti alimentari dal valore di 3.000 euro consentirà di preparare i pasti ai volontari delle Cucine popolari insieme ad alcuni volontari delle parrocchie e della rete Don’t Panic – Organizziamoci.

LEGGI ANCHE: Le ostie per la Messa? A Bologna e Modena le sfornano i detenuti

“Con questo semplice gesto, in questo momento molto difficile, cerchiamo insieme di rafforzare la rete della solidarietà– dicono i presidenti di zona soci Efisia Curreli, Stefano Cavalli e Simone Fabbri- contribuendo a costruire quel Piano freddo di comunità nato dalla collaborazione tra il Comune di Bologna, il Terzo settore e i singoli cittadini. Anche i soci attivi di Coop fanno la loro parte”. L’iniziativa, commenta l’assessore comunale al Welfare, Giuliano Barigazzi, “coglie nel segno di quel welfare di comunità che abbiamo iniziato a costruire in questi anni, ed è molto significativo che questa scelta venga fatta a favore delle persone senza dimora in una collaborazione virtuosa tra istituzione, aziende e terzo settore”.

LEGGI ANCHE: Il pranzo di Natale dei poveri? A Bologna diventa ‘al sacco’

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»