Regionali Campania, da attrice a ex ultrà nella lista di Forza Italia

Mancano i nomi degli uscenti Cesaro e Passariello
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – I consiglieri regionali uscenti Ermanno Russo e Maria Grazia Di Scala e Giovanna Ferrari Rei, attrice partenopea che ha denunciato di aver subito un tentativo di molestie dal produttore Harvey Weinstein. Sono i primi tre nomi della lista che Forza Italia ha presentato al tribunale di Napoli per le prossime regionali in Campania. In lista c’è anche Gennaro Montuori detto Palummella, storico capo ultra’ della curva B del Napoli. Assente il capogruppo in Campania Armando Cesaro che ha rinunciato alla candidatura dopo la richiesta avanzata da Matteo Salvini. In lista trova però spazio il nome di Annarita Patriarca, ex sindaco di Gragnano fedelissima dell’eurodeputato Fulvio Martusciello. La sua candidatura era stata osteggiata da Cesaro e dal coordinatore regionale in Campania Domenico De Siano per alcune vicende giudiziarie che riguardano il marito. Candidati a Napoli anche Gennaro Capodanno, ex presidente della circoscrizione Vomero, e Giuseppe Alviti, presidente dell’associazione guardie giurate. Ha rinunciato alla candidatura il consigliere regionale uscente Luciano Passariello. “Sono stato consigliere comunale e, per ben tre legislature, consigliere regionale- ha spiegato- Penso che lasciare spazio a candidature diverse contribuirà certamente a raggiungere il nostro vero obiettivo: rilanciare Forza Italia, battere De Luca, cosa possibilissima. Naturalmente farò campagna elettorale come se fossi candidato in prima persona”. Forza Italia sostiene il candidato alla presidenza Stefano Caldoro. Presentata anche la lista Identità regionale – Macroregione Sud per un totale, con Fratelli d’Italia, di tre liste per il centrodestra. 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

22 Agosto 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»