VIDEO | Regionali Campania, Caldoro: “Finti sceriffi non hanno risolto problemi”

"Prima del covid il centrodestra era in vantaggio" sottolinea Stefano Caldoro, sconfitto dal governatore uscente Vincenzo De Luca
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print
NAPOLI – “I presidenti covid, sia di centrodestra che di centrosinistra hanno avuto un grande risultato per l’atteggiamento protettivo, un po’ da sceriffi. Ci sono stati veri sceriffi che hanno risolto problemi e anche i finti sceriffi, ma alla fine questa distinzione non e’ stata facile per gli elettori che hanno voluto riconoscere un voto di sicurezza e anche di paura, molto emotivo“. Queste le parole di Stefano Caldoro, candidato del centrodestra alla presidenza della Regione Campania sconfitto dal governatore uscente Vincenzo De Luca. 

CALDORO: “CONTINUERÒ A FARE CAPO OPPOSIZIONE”

“Io continuero’ a fare il mio ruolo di capo dell’opposizione in consiglio regionale come ho fatto in cinque anni”. Lo ha detto il candidato del centrodestra alla presidenza della Regione Campania, Stefano Caldoro, sconfitto dal governatore uscente Vincenzo De Luca. “In cinque anni – ha ricordato – abbiamo lavorato cambiando la tendenza di voto, avevamo portato la tendenza sulle cose concrete e il centrodestra era in netto vantaggio prima del covid”. Per Caldoro, che ha sottolineato il grande rispetto che ha per il voto degli elettori “il covid ha cambiato completamente la narrazione non solo in Campania, ma a livelli nazionale”. Ora, ha spiegato, “facciamo l’autocritica necessaria, ci rimbocchiamo le maniche e continueremo a dire la nostra facendo un’opposizione dura, senza sconti”
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

21 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»