Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Monitor Italia, boom di Draghi: è il più amato. E Giorgia Meloni supera il Pd

giorgia meloni
I risultati del sondaggio Dire-Tecnè
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Incrementa il consenso di Mario Draghi tra gli italiani. Il presidente del Consiglio è il leader che guadagna maggiormente il placet nell’ultima settimana (+1,2%). 



Bene anche Giuseppe Conte, Giorgia Meloni, Silvio Berlusconi, Roberto Speranza e Matteo Renzi. In calo Matteo Salvini, Enrico Letta, Emma Bonino e Carlo Calenda. È quanto rilevato da Monitor Italia, il sondaggio realizzato da Tecné con Agenzia Dire, con interviste effettuate il 21 maggio su un campione di mille casi. 

Il premier rimane il leader più apprezzato (53,2%) forte del +1,2% ottenuto in settimana. Giorgia Meloni (+0,4% negli ultimi sette giorni) è al secondo posto (42,3%), quindi Giuseppe Conte che passa dal 38 al 38,5% per un +0,5% complessivo, la seconda crescita più elevata della settimana dopo quella di Draghi. In calo Salvini 32,1% e Letta 29,5%, entrambi -0,1% rispetto a sette giorni fa. Guadagnano Berlusconi (+0,3%), ora al 28,8%, e Speranza (+0,2%), ora al 21,7%. Quindi Bonino (-0,1%) al 19,7%, Calenda (-0,2%) al 18,2% e Renzi (+0,1%) al 10,3%. 

Sono ancora lontane le percentuali bulgare di inizio mandato, quando il neo presidente del Consiglio Mario Draghi otteneva più del 60% del gradimento degli italiani, eppure nelle ultime settimane il consenso del premier sta risalendo dopo un costante calo che a fine aprile aveva portato il gradimento anche sotto il 52%. Da tre settimane l’appeal del premier è in costante risalita: +0,1% il 7 maggio, +0,2% il 14 maggio, +1,2% questa settimana.  Nella primo mese di mandato il presidente del Consiglio aveva tenuto l’asticella sempre oltre il 60% (61% il 13 febbraio, 61,4% il 19 febbraio, 60,5% il 26 febbraio, 61,4% il 5 marzo, 61,1% il marzo, 60,6% il 19 marzo), prima di una lenta discesa: 57,8% il 26 marzo, 56,6% il primo aprile, 55,4% il 9 aprile, 53% il 16 aprile, 52,1% il 23 aprile. Ora la ripresa delle ultime settimane. 

MELONI SOPRPASSA IL PD

Fratelli d’Italia (19,1%) sorpassa il PD (19%) e ora è il secondo partito italiano per gradimento alle spalle della Lega (21,1%), tallonata da settimane.

Giorgia Meloni opera il sorpasso sul Partito Democratico grazie ad un +0,1% guadagnato nell’ultima settimana che porta Fratelli d’Italia al 19,1% complessivo, due punti dietro la Lega (21,1%) che perde 0,1% negli ultimi sette giorni. Il Partito Democratico lascia la seconda piazza, frutto del -0,2% registrato nell’ultima settimana. Incremento anche del Movimento Cinquestelle che passa dal 16,5% al 16,7%. Forza Italia perde invece 0,1% ed è ora al 9,3%.  Calo anche di Azione (-0,2%) ora al 3,3%, mentre crescono Sinistra Italiana (+0,2%) ora al 2,5% e Italia Viva (+0,1%) ora al 2%. Quindi Verdi 1,6% (+0,1%). 

LA FIDUCIA NEL GOVERNO

Sostanziale equilibrio tra gli italiani che hanno fiducia nel governo Draghi e quelli che non ne hanno, anche se nell’ultima settimana aumentano i primi (+0,3%). È quanto rilevato da Monitor Italia, il sondaggio realizzato da Tecné con Agenzia Dire, con interviste effettuate il 21 maggio su un campione di mille casi.  Coloro che hanno fiducia sono il 45,4%, coloro che non ne hanno sono il 45,2%. Non sa il 9,4%. 

Il governo Draghi torna a recuperare consenso tra gli italiani negli ultimi sette giorni (+0,2%) dopo dieci settimane di costante discesa. È quanto rilevato da Monitor Italia, il sondaggio realizzato da Tecné con Agenzia Dire, con interviste effettuate il 21 maggio su un campione di mille casi. 


Oggi l’esecutivo guidato dall’ex presidente della BCE ottiene il 45,3% dei consensi degli italiani ed è la prima volta che il consenso risale dopo dieci settimane di calo. Insediatosi col 58,4% dei favori il 13 febbraio, il governo aveva mantenuto una percentuale sempre sopra il 57% fino al 19 marzo prima di piombare al 45,1% della scorsa settimana. Ora il primo incremento dopo oltre due mesi (dal 5 marzo era stato registrato un calo continuo).

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»