Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Coronavirus, Brusaferro (Iss): “La curva è in calo, decremento significativo anche in Lombardia”

Per il presidente dell'Istituto superiore di sanità l'aumento degli asintomatici dovuto ad una maggiore capacità del sistema di intercettare i focolai
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “La curva epidemica mostra chiaramente un calo. Anche la Lombardia ha un netto trend in calo, quotidianamente c’e’ un decremento molto significativo di casi”, ma “occorrera’ attendere la prossima settimana per avere dati in grado di far capire meglio l’andamento epidemiologico dopo le riaperture”. Lo ha detto il presidente dell’Istituto superiore di Sanita’, Silvio Brusaferro, durante la conferenza stampa odierna sull’analisi dell’andamento epidemiologico e aggiornamento tecnico-scientifico del Covid-19.

“Anche se in calo- spiega Brusaferro- il virus circola. Potranno esserci momenti di incremento dei casi ma ora abbiamo un sistema capace di intercettarli. Tutti i sistemi di monitoraggio stanno migliorando significativamente, in grande condivisione con le Regioni. Questo e’ una garanzia del fatto che, nel suo complesso, il Servizio sanitario nazionale e’ in grado di monitorare quanto sta avvenendo e rispondere tempestivamente. In Molise e in Umbria ci sono stati piccoli picchi, subito rientrati“.

“Sta crescendo la quota di asintomatici- prosegue ancora Brusaferro- perche’ le Regioni si stanno attrezzando a fare sempre piu’ tamponi. L’Italia e’ sempre a tre velocita’ ma in tutte le Regioni i casi sono in decrescita. C’e’ una grande oscillazione dell’indice Rt di contagio sul territorio. L’Rt non e’ una pagella ma uno strumento dinamico che ci aiuta a capire cosa succede”.

“Non possiamo allentare le misure di protezione individuale- continua Brusaferro- e non possiamo escludere un incremento di casi nelle prossime settimane. Pero’ ora possiamo incamminarci con fiducia, sapendo che ci potranno essere momenti di incremento dei casi ma sapendo anche che abbiamo un sistema capace di intercettarli. Tanto piu’ andremo verso un numero di casi limitato, tanto piu’ il sistema sara’ sensibile per individuare subito i casi”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»