Olimpiadi, il Cio lancia le Olympic Virtual Series: “Lo sport non è più solo fisico”

Nel programma dell’evento troviamo 5 discipline olimpiche, sotto forma di videogioco: automobilismo, ciclismo, vela, canottaggio e baseball
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il Comitato Olimpico Internazionale fa un passo fondamentale nel campo degli sport virtuali annunciando le prime Olympic Virtual Series (Ovs). Il Cio, infatti, collaborerà con cinque Federazioni Sportive Internazionali e sviluppatori di giochi per produrre il primo evento con licenza olimpica per sport virtuali fisici e non fisici.

Questi gli organismi coinvolti: World Baseball Softball Confederation (WBSC)- eBaseball Powerful Pro Baseball 2020, Konami Digital Entertainment; Unione ciclistica internazionale (UCI) – Zwift, Zwift inc.; Federazione internazionale canottaggio; Federazione internazionale della vela – Virtual Regatta, Virtual Regatta SAS; Federazione internazionale dell’Automobile (FIA) – Gran Turismo, Polyphony Digital.

In vista dei Giochi Olimpici di Tokyo, le Ovs inizieranno il 13 maggio e proseguiranno fino al 23 giugno, mobilitando gli appassionati di sport virtuali, eSports e giochi in tutto il mondo per raggiungere un nuovo pubblico olimpico, incoraggiando anche lo sviluppo di forme di sport in linea con le raccomandazioni dell’Agenda Olimpica 2020 + 5 del Comitato.

“Le Olympic Virtual Series sono una nuova, unica esperienza digitale olimpica che mira a far crescere il coinvolgimento diretto con un nuovo pubblico nel campo degli sport virtuali- ha spiegato il presidente del Cio, Thomas Bach- La sua concezione è in linea con l’Agenda Olimpica 2020 + 5 e la Strategia Digitale del Cio, incoraggia la partecipazione sportiva e promuove i valori olimpici, con un’attenzione particolare ai giovani”.

Soddisfazione è stata espressa dal presidente dell’Esports and Gaming Liaison Group (ELG) del Cio e presidente dell’Union Cycliste Internationale (UCI), David Lappartient: “Sono lieto di essere stato coinvolto nel lancio delle prime Olympic virtual series. Alcune Federazioni hanno ormai consolidato iniziative sportive virtuali, grazie alla collaborazione con il Cio e gli sviluppatori di giochi, è un entusiasmante passo in avanti per il mondo dello sport virtuale e il Movimento Olimpico”.

Con le Ovs, dunque, viene connesso il mondo dello sport ‘fisico’ con la comunità dei giochi sportivi virtuali e di simulazione, offrendo l’opportunità di interagire con il Movimento Olimpico, con un occhio alla partecipazione di massa online e all’inclusione in tutto il mondo: una sorta di competizione virtuale, anche da casa, per generare entusiasmo con questi cinque eventi nella preparazione dei Giochi Olimpici di Tokyo 2020. E i fan avranno l’opportunità di interagire e seguire gli eventi su Olympic Channel.

In futuro sono pronte a partecipare anche altre Federazioni, a partire dalla FIFA per proseguire con la Federazione internazionale pallacanestro (FIBA), Tennis (ITF) e Taekwondo.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»