Caso Pipitone, “Verità per Denise” al consiglio comunale di Mazara del vallo

verità per denise comune mazara del vallo
In aula anche Piera Maggio e Piero Pulizzi, genitori della piccola rapita l'uno settembre 2004 e mai ritrovata
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PALERMO – “Verità per Denise”: è l’appello lanciato oggi dal consiglio comunale di Mazara del Vallo (Trapani) e riportato sulle magliette indossate da tutti i consiglieri comunali ed anche dal sindaco Salvatore Quinci e dagli assessori presenti alla seduta di questa mattina. Anche Piera Maggio e Piero Pulizzi, genitori di Denise Pipitone, rapita l’uno settembre 2004, sono stati presenti nell’aula consiliare ed hanno ascoltato il messaggio di sostegno che a nome dell’intera comunità mazarese l’assemblea ha affidato al consigliere Enza Chirco.

LEGGI ANCHE: Denise Pipitone, nuove intercettazioni e lo sfogo di mamma Piera Maggio: “Quanti sbagli e depistaggi”

Denise Pipitone compie 20 anni, il papà: “Ti aspetterò sempre”

“Un momento semplice per confermare che Mazara del Vallo è stata ed è unita a sostegno di Denise Pipitone e della sua famiglia e chiede con forza che verità e giustizia trionfino e che soprattutto Denise possa essere riabbracciata dai suoi cari“, si legge in una nota del Comune. Terminato il momento dedicato a Denise Pipitone, il presidente del consiglio comunale Vito Gancitano ha disposto la prosecuzione dei lavori consiliari.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»