Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Caso Pipitone, “Verità per Denise” al consiglio comunale di Mazara del vallo

verità per denise comune mazara del vallo
In aula anche Piera Maggio e Piero Pulizzi, genitori della piccola rapita l'uno settembre 2004 e mai ritrovata
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PALERMO – “Verità per Denise”: è l’appello lanciato oggi dal consiglio comunale di Mazara del Vallo (Trapani) e riportato sulle magliette indossate da tutti i consiglieri comunali ed anche dal sindaco Salvatore Quinci e dagli assessori presenti alla seduta di questa mattina. Anche Piera Maggio e Piero Pulizzi, genitori di Denise Pipitone, rapita l’uno settembre 2004, sono stati presenti nell’aula consiliare ed hanno ascoltato il messaggio di sostegno che a nome dell’intera comunità mazarese l’assemblea ha affidato al consigliere Enza Chirco.

LEGGI ANCHE: Denise Pipitone, nuove intercettazioni e lo sfogo di mamma Piera Maggio: “Quanti sbagli e depistaggi”

Denise Pipitone compie 20 anni, il papà: “Ti aspetterò sempre”

“Un momento semplice per confermare che Mazara del Vallo è stata ed è unita a sostegno di Denise Pipitone e della sua famiglia e chiede con forza che verità e giustizia trionfino e che soprattutto Denise possa essere riabbracciata dai suoi cari“, si legge in una nota del Comune. Terminato il momento dedicato a Denise Pipitone, il presidente del consiglio comunale Vito Gancitano ha disposto la prosecuzione dei lavori consiliari.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»