OgCertificato verde, coprifuoco, ristoranti: le regole del decreto riaperture

coronavirus_ristorante_bar
Entrerà in vigore il 26 aprile. Tra le principali novità la possibilità di spostarsi tra regioni e la riapertura di ristoranti, palestre e cinema
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il 26 aprile ‘l’Italia riapre‘ grazie alle regole contenute nel nuovo decreto. Tra le principali novità, la possibilità si spostarsi tra regioni gialle o bianche (senza limitazioni), ma anche verso arancioni e rosse. Nel secondo caso sarà necessario munirsi di certificazione verde.

LEGGI ANCHE: Momento della verità tra Draghi e Salvini, i numeri stanno col premier

Scontro nel governo, coprifuoco resta alle 22. Lega si astiene, Salvini: “No a troppi divieti”

COME OTTENERE IL ‘GREEN PASS’

Per ottenere la certificazione verde è necessario avere uno di questi requisiti:

  • aver completato il ciclo di vaccinazione (dura sei mesi dal termine del ciclo prescritto) essersi ammalato di covid ed essere guarito (dura sei mesi dal certificato di guarigione)
  • aver effettuato test molecolare o test rapido con esito negativo (dura 48 ore dalla data del test).
  • Le certificazioni verdi rilasciate dagli Stati membri dell’Unione sono riconosciute valide in Italia. Quelle di uno Stato terzo se la vaccinazione è riconosciuta come equivalente a quella valida sul territorio nazionale

SCUOLA E UNIVERSITÀ

  • Dal 26 aprile e fino alla fine dell’anno scolastico si torna in classe anche nelle scuole superiori (secondarie di secondo grado). La presenza è garantita in zona rossa dal 50% al 75%. In zona gialla e arancione dal 70% al 100%.
  • Università: dal 26 aprile al 31 luglio nelle zone gialle e arancioni le attività si svolgono prioritariamente in presenza. Nelle zone rosse si raccomanda di favorire in particolare la presenza degli studenti del primo anno.

RISTORAZIONE (Ristoranti, pub, bar)

  • Dal 26 aprile in zona gialla riaprono i ristoranti anche a cena, purché all’aperto

SPETTACOLI

  • Dal 26 aprile riaprono al pubblico in zona gialla cinema, teatri, sale concerto, live club. È necessario che ci siano posti a sedere preassegnati e una distanza di un metro l’uno dall’altro. La capienza massima consentita è del 50% di quella massima autorizzata e comunque non superiore a 500 spettatori al chiuso e 1000 all’aperto.
  • In relazione all’andamento epidemiologico e alle caratteristiche dei siti, si potrà autorizzare la presenza anche di un numero maggiore di spettatori all’aperto, nel rispetto delle indicazioni del Cts e delle linee guida.

MANIFESTAZIONI SPORTIVE

  • Dal 1° giugno in zona gialla sono aperte al pubblico anche le manifestazioni e gli eventi sportivi di livello agonistico riconosciuti di preminente interesse nazionale con provvedimento del Coni e del Comitato paralimpico. La capienza consentita è del 25% di quella massima autorizzata e comunque non superiore a 1000 spettatori per gli impianti all’aperto e 500 per quelli al chiuso. Per eventi di particolare rilevanza e tenuto conto delle caratteristiche dei siti è possibile autorizzare la presenza di un numero maggiore di spettatori
  • È possibile inoltre, anche prima del 1° giugno, autorizzare lo svolgimento di eventi sportivi di particolare rilevanza

PISCINE, PALESTRE E SPORT DI SQUADRA

  • Dal 26 aprile in zona gialla è consentito lo svolgimento all’aperto di qualsiasi attività sportiva, anche di contatto
  • Dal 15 maggio riaprono in zona gialla le piscine all’aperto
  • Dal 1° giugno in zona gialla riaprono le palestre

FIERE E CONGRESSI

  • Dal 15 giugno in zona gialla riaprono le fiere
  • Dal 1° luglio via libera a convegni e congressi

CENTRI TERMALI, PARCHI TEMATICI E DI DIVERTIMENTO

  • Dal 1°luglio in zona gialla sono consentite le attività nei centri termali e possono riaprire i parchi tematici e di divertimento

COPRIFUOCO

  • Resta in vigore il coprifuoco dalle 22 alle 5

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»