Lavoro, Fedeli (Pd): “Politica anticipi e accompagni la transizione”

valeria-fedeli
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Condivido le parole di Maurizio Landini sullo sblocco dello stop ai licenziamenti. Credo pero’ che il segretario della Cgil sia anche consapevole dell’importanza del tavolo convocato dal ministro Orlando per governare la transizione degli strumenti a tutela dei lavoratori. Credo la politica debba anticipare i processi e accompagnarli e questo può rispondere anche alle giuste preoccupazioni dei sindacati. Utilizzare in modo innovativo i contratti di espansione, di solidarietà, delle nuove competenze aiuta la transizione green e digitale e i processi necessari di qualificazione e formazione”. Lo ha detto all’Agenzia Dire, la senatrice Pd e membro della commissione Lavoro, Valeria Fedeli.

“Credo anche- prosegue Fedeli– che le organizzazioni sindacali siano attente alla tutela sia del lavoratore che di chi cerca lavoro, avendo apprezzato l’estensione della copertura nel nuovo decreto anche ai lavoratori precari precedentemente esclusi. E’ necessario accompagnare questa fase – in cui come spiegato dallo stesso premier Draghi ‘non si chiedono soldi ma si danno’ – con una ‘costruzione’ delle nuove soluzioni, anticipando quei processi a cui saranno destinate le risorse del Recovery plan che dovremo intercettare positivamente. Questa è la sfida di oggi e il ministro Orlando vuole costruire le condizioni migliori affinché ciò avvenga”.  

“I fondi del Recovery plan- ha aggiunto l’ex ministra dell’Istruzione- sono fondamentali anche per porre le basi per la riforma degli ammortizzatori sociali, per le politiche attive del lavoro con un fine che condiviso da tutti – sia dai rappresentanti delle imprese che da quelli del lavoro – che è quello della ripresa economica“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»