Amsterdam senza palazzo per l’Ema, la Lega: “Appena eletti cercheremo di riprendercela”

A quanto pare il palazzo che ad Amsterdam doveva ospitare l'Ema non è ancora stato completato
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MILANO – “Milano deve riprendere la battaglia per aggiudicarsi l’Ema, perché la città di Amsterdam è evidentemente inadeguata: l’edificio che avrebbe dovuto ospitare la sede dell’agenzia del farmaco non è stato ancora completato, il che è francamente inconcepibile”. A dirlo è l’eurodeputato forzista Stefano Maullu. “Condivido fermamente l’annuncio delle colleghe Gardini e Toia- prosegue l’europarlamentare di Fi- e ribadisco la necessità di riprendere il dialogo con le istituzioni europee e di coinvolgere gli europarlamentari italiani, delle fondamentali figure di raccordo che potrebbero contribuire in maniera determinante alla facilitazione del dialogo con l’Europa”.

D’altronde “il Pirellone è pronto ad ospitare l’Ema e Milano e l’Italia dovranno battere i pugni sul tavolo- chiosa Maullu- perché l’occasione è troppo ghiotta per non essere colta”.

LEGA: QUANDO SAREMO AL GOVERNO CHIEDEREMO CHE VADA A MILANO

“L’Agenzia europea del farmaco, dati gli enormi problemi di Amsterdam, deve essere assegnata a Milano, senza rifare nessuna gara. A marzo, quando il centrodestra tornerà al Governo, come Lega chiederemo che il primo impegno del nuovo ministro degli Esteri, il suo primo atto ufficiale, sia una trasferta a Bruxelles per pretendere (non chiedere ma pretendere) che l’Ema sia assegnata a Milano avendo già pronta e disponibile la sede del Pirellone”. A dirlo è il parlamentare leghista Paolo Grimoldi, segretario lombardo del Carroccio, che interviene con una nota sulla questione legata al fatto che la capitale olandese, vincitrice a novembre dell’assegnazione dell’Agenzia Europea del Farmaco proprio su Milano, non abbia ancora una sede pronta per ospitare Ema.

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»