Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

La discarica di Colleferro chiusa fino a metà della settimana prossima, rischio caos rifiuti a Roma

Ama ha comunicato che non potrà ritirare 2mila tonnellate al giorno di immondizia indifferenziata
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Un settimana da rischio emergenza sanitaria a Roma per mancata raccolta dei rifiuti. Ama ha comunicato che non potrà ritirare 2mila tonnellate al giorno di immondizia indifferenziata per l’improvvisa chiusura (di nuovo) della discarica di Colleferro.

Secondo quanto apprende l’agenzia Dire, l’impianto dovrebbe riaprire i cancelli a metà della prossima settimana. Il nuovo stop è legato alla richiesta, da parte del pm che sta indagando sulla morte in discarica di un operaio due settimane fa, di un’indagine geognostica sul piazzale di scarico dei rifiuti.

Lazio Ambiente, azienda che gestisce l’impianto di smaltimento, ha commissionato i carotaggi e conta di potere consegnare i risultati nei primi giorni della prossima settimana. Nel frattempo, Ama dovrà trovare delle soluzioni alternative su dove inviare gli scarti ed evitare di far piombare Roma in emergenza igienico-sanitaria, tuttavia, sempre secondo quanto apprende l’agenzia Dire, la municipalizzata capitolina dei rifiuti avrebbe inviato in discarica negli ultimi due giorni molti meno dei dieci camion al giorno carichi di rifiuti attesi nell’impianto di smaltimento.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»