Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Il ‘Tampon tax tour’ alla Camera dei Deputati

Laura Sparavigna
L'iniziativa per chiedere l'abbassamento dell'Iva sui prodotti igienici femminili è partita da Firenze il 15 luglio, promossa dalla consigliera comunale Laura Sparavigna
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il ‘tampon tax tour’, ovvero il giro d’Italia per chiedere l’abolizione della tassa sugli assorbenti, fa tappa alla Camera dei Deputati. L’inziativa è partita da Firenze il 15 luglio, promossa dalla consigliera comunale Laura Sparavigna e dalla presidente dell’associazione ‘Tocca a noi’, Lucrezia Iurlaro.

La campagna ha già toccato 40 tappe in tutta Italia per chiedere un ‘nuovo ciclo’, ovvero la riduzione dal 22 al 5% dell’Iva sugli assorbenti, in quanto prodotti igienico sanitari, per garantire “un diritto sociale delle donne, la tutela dell’igiene e della salute e l’equità socio-economica fra generi”.



“Al momento in Italia ci sono 2 milioni di donne che vivono in povertà assoluta– ha spiegato Iurlaro- non possiamo pensare che queste donne possano permettersi l’accesso a questi prodotti e dove questo succede si va incontro a conseguenze di natura psicofisica. Parlando di un diritto sociale è importante che lo Stato intervenga, non perché si nasce con corpo femminile si è condannate a pagare un prezzo così alto. Insieme possiamo riuscire a calare nel locale le istanze che poi porteremo al nazionale, ci piacerebbe in questo senso anche andare nelle scuole”. Dopo aver girato per tutto il Paese, ha aggiunto la consigliera Sparavigna, “siamo qui per chiedere ai parlamentari di fare l’ultimo passo, ossia un emendamento in legge di bilancio per chiedere il definitivo abbassamento dell’Iva al 5% su tutti i prodotti igienico sanitari femminili. Abbiamo raccolto l’adesione di oltre 150 comuni, e 10 assemblee regionali e abbiamo stipulato accordi con le farmacie comunali”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»