“Lavatevi”, il cartello del primario di Messina rivolto ai pazienti

Il volantino è stato fotografato da un paziente e inviato ad un'amica, la quale a sua volta ha informato la direzione del Policlinico
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Un curioso cartello apparso in un ospedale di Messina sta catalizzando l’interesse del web.  Ad affiggerlo il primario di un reparto del Policlinico che  ha deciso di appenderlo sulla porta dello studio ospedaliero nel quale esercita la sua professione. “Si informano certi pazienti che lavarsi prima delle visite programmate, cambiarsi la biancheria intima e pulirsi le scarpe dalla terra o altro, prima di entrare, non cancella importanti indizi utili alla diagnosi, per cui possono procedere tranquillamente a una doccia. Ricordiamo che è sempre apprezzata l’ascella lavata”. Il volantino è stato fotografato da un paziente e inviato ad un’amica, la quale a sua volta ha informato la direzione del Policlinico.
Il cartello si conclude con il seguente invito: “Per i Pazienti molto anziani, i figli bravi o per le loro badanti, dovrebbero accertarsi dello stato igienico dei loro genitori. Non ha corrispondenze specifiche la credenza che la doccia faccia venire la polmonite”. L’autore della foto ha volutamente evitato di inquadrare la firma del primario che ha volutamente scritto il proprio nome e cognome in calce al messaggio.

Ti potrebbe interessare:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»