Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Genova, Delrio: “Mai informati del pericolo, dette bugie che disonorano i morti”

L'ex ministro delle Infrastrutture: "E' una grande bugia che ci siano atti secretati"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Dopo il crollo del ponte di Genova sono state dette troppe bugie, che tra l’altro disonorano i morti. Noi non abbiamo mai ricevuto nulla da Commissione che si è mossa a livello tecnico e non ha valutato come pericoloso quel ponte. A noi, fino a quando sono stato in carica, non è stato segnalato nulla”. Cosi’ l’ex ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Graziano Delrio, capogruppo Pd alla Camera, in un intervento al Meeting Cl di Rimini, trasmesso da SkyTg24.

AUTOSTRADE. DELRIO: NON ABBIAMO PROROGATO LA CONCESSIONE AL 2042

“Noi non abbiamo prorogato la concessione dal 2038 al 2042. Questa è una bugia. Abbiamo avuto un’autorizzazione da Bruxelles a procedere. Quell’accordo non è mai diventato operativo. Dire che abbiamo prorogato la concessione è una stupidaggine”. Così l’ex ministro delle Infrastratture e Trasporti, Graziano Delrio, capogruppo Pd alla Camera, in un intervento al Meeting Cl di Rimini, trasmesso da SkyTg24.

GENOVA. AUTOSTRADE, DELRIO: NESSUNA ATTO SECRETATO IN CONVENZIONE

“E’ una grande bugia che ci siano atti secretati. La convenzione 2007 andò alle commissioni parlamentari. Per una politica di totale trasparenza, noi pubblicammo le convenzioni sul sito”. Il capogruppo Pd alla Camera ed ex ministro alle Infrastrutture Graziano Delrio, lo dice in un intervento al Meeting Cl di Rimini, trasmesso da SkyTg24.

DELRIO: “AUMENTATE MANUTENZIONI DELL’80%, MA ITALIA FRAGILE”

“Ognuno di noi semina per il bene e poi raccoglierà quello che arriva: noi abbiamo seminato un piano infrastrutturale da 130 miliardi di euro, abbiamo aumentato le manutenzioni dell’80%, ma non è detto che le cose poi funzionino. Questo rimane un Paese fragile. E’ importante capire che il limite della politica sta in questo”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»