Violenza genere, Pcm: “Nuovo bando da 10 milioni per prevenzione e contrasto”

Ampliata azione anche a detenute e vittime 'economiche'
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Pubblicato il nuovo bando da 10 milioni di euro per il finanziamento di progetti per la prevenzione e il contrasto della violenza di genere. Sono state definite sei distinte linee d’intervento ed è stata ampliata l’azione anche a donne detenute e a donne vittime di violenza “economica”. Particolare attenzione viene data anche a progetti volti a sostenere campagne di comunicazione culturale.

Leggi anche Violenza sulle donne? “E’ per troppo amore”. La pensa così 1 italiano su 4

Il bando è stato pubblicato sul sito internet del Dipartimento per le pari opportunità (www.pariopportunita.gov.it) anche in attuazione della convenzione di Istanbul. Il bando, che finanzierà progetti per 10 milioni di euro, permetterà di supportare attività di sensibilizzazione rispetto a sei aree d’intervento: donne migranti e rifugiate, inserimento lavorativo delle donne vittime di violenza, supporto alle donne detenute che hanno subito violenza, programmi di trattamento di uomini maltrattanti, supporto e protezione delle donne sottoposte anche a violenza “economica” e progetti di sensibilizzazione, prevenzione e educazione.

Leggi anche Violenza donne, Oms: Un’epidemia mondiale /INFOGRAFICA

L’iniziativa mira a creare una rete di interventi volta a contrastare e prevenire il fenomeno della violenza allargando quanto più possibile il raggio d’azione in attuazione di quanto previsto dal Piano d’azione straordinario contro la violenza di genere. E’ inoltre un primo traguardo frutto del percorso di condivisione avviato tra le istituzioni, le associazioni e gli enti territoriali attraverso la Cabina di Regia e l’Osservatorio nazionale sul fenomeno della violenza. L’azione proposta dal bando risponde infatti all’esigenza di aumentare le azioni specifiche su tutto il territorio coinvolgendo tutti i soggetti che a vario titolo contribuiscono alla prevenzione e al contrasto del fenomeno.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»