In Germania Covid sotto controllo: riaprono i negozi

merkel
Restano il divieto di assembramento e il distanziamento sociale. La situazione, come ha dichiarato la cancelliera Angela Merkel in conferenza stampa, è ancora "fragile"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – In Germania l’epidemia di Covid-19 è “sotto controllo” e così hanno cominciato a rialzare le saracinesche alcuni negozi, nell’ambito della prima fase del processo di sospensione delle misure di distanziamento sociale.

A riaprire sono in particolare le attività commerciali grandi non oltre gli 800 metri quadri, sebbene ogni Land potrà decidere come applicare le disposizioni previste in questa prima fase. Restano tuttavia in vigore alcune restrizioni, tra cui il divieto di assembramenti pubblici e l’obbligo di mantenere almeno un metro di distanza tra le persone. La situazione, come ha dichiarato la cancelliera Angela Merkel in conferenza stampa, resta infatti “fragile”.

La Germania, con 140.000 contagi confermati e oltre 4.200 decessi, è tra i Paesi europei più colpiti dall’epidemia di coronavirus. Venerdì scorso gli scienziati hanno confermato che il tasso di trasmissione del virus è sceso per la prima volta e questo ha spinto il ministro della Sanità Jens Spahn ha dichiarare l’epidemia sotto controllo.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, scendono i ricoveri in terapia intensiva. Le vittime sono più di 23mila

Pochi giorni prima, gli esperti avevano constatato che l’economia tedesca è in recessione e questo a causa del blocco alle attività produttive.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»