Cresce il numero delle startup in Basilicata, 119 nel registro imprese

Secondo la Camera di Commercio ciò testimonia "quanta vivacità ci sia, soprattutto tra i giovani, rispetto ad un futuro di autoimpresa
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

POTENZA – Crescono le start up lucane. A oggi ne risultano iscritte 119 nella sezione speciale del registro imprese della Camera di Commercio della Basilicata, di cui 85 nella provincia di Potenza e 34 in quella di Matera.

Il dato, reso noto dallo stesso ente camerale, incide per poco meno dell’1% su quello nazionale ma è interessante notare la percentuale del rapporto delle startup innovative sul totale delle nuove società di capitali in regione: 3,21%, un tasso superiore a regioni come Campania e Lazio e vicino a quello del Veneto.

Secondo la Camera di Commercio ciò testimonia “quanta vivacità ci sia, soprattutto tra i giovani, rispetto ad un futuro di autoimpresa che passa attraverso le imprese innovative”.

La gran parte delle imprese innovative si indirizza sul fronte tecnologico (creazione di software, piattaforme, applicativi web). La crescita sarebbe dovuta alla procedura semplificata per l’iscrizione, senza atto notarile, con un processo agile e veloce da realizzare in Camera di Commercio.

Da quando è nato l’ufficio Aqi (Assistenza qualificata imprese) sono state costituite, con la procedura semplificata, 44 startup, di cui 24 dopo l’accorpamento e la creazione della Camera unica lucana, con tempi medi di lavorazione di circa 10 giorni dalla richiesta di assistenza. Nel solo 2019, l’84% delle nuove iscrizioni di startup sono avvenute con la procedura semplificata e nei primi due mesi del 2020 sono già state effettuate sei costituzioni con l’assistenza Aqi.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

20 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»