Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Radicali donano cannabis terapeutica in piazza a Milano

Per sensibilizzare la Regione Lombardia sul libero accesso alla cannabis terapeutica e delimitare il confine tra legale e illegale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MILANO – Distribuire marijuana medica in piazza per sensibilizzare la Regione Lombardia sul libero accesso alla cannabis terapeutica e delimitare il confine tra legale e illegale. Il partito +Europa di Emma Bonino, con la presidente dei Radicali Italiani Antonella Soldo e con la candidata capolista alla regionali lombarde Barbara Bonvicini, anima largo Caroli, piazza centralissima di Milano, con un banchetto preso di mira da molti curiosi e anche da qualche agente Digos, corso ad accertarsi “che la documentazione di chi produce la marijuana sia in regola”. A detta di Bonvicini questa “e’ un’iniziativa antiproibizionista perche’ l’antiproibizionismo riguarda purtroppo anche i prodotti considerati legali”. 

201802200186690275104 (1)
201802200186690275103
201802200186690275102
201802200186690275101

La distribuzione di cannabis terapeutica e’ perfettamente legale perche’ al di sotto dello 0,6% di principio attivo

La capolista radicale alle regionali lombarde racconta che la distribuzione di cannabis terapeutica “e’ perfettamente legale perche’ al di sotto dello 0,6% di principio attivo”, e che l’azione e’ tesa “a denunciare come anche cio’ che e’ legale, come la cannabis terapeutica ma anche la deroga per un malato che ne fa uso ad ottenere la patente, sono diritti soggetti ancora a discipline proibizioniste che sanno di repressione, prerogativa di uno Stato che diventa ingerente sul libero agire delle persone”. Insomma, delimitare il confine tra legale e illegale, che in questo paese non e’ ancora molto chiaro. 

Il 22 settembre scorso gli attivisti radicali furono denunciati per istigazione a delinquere

Bonvicini racconta a tal proposito dell’esperienza del 22 settembre scorso, quando con un’iniziativa simile “organizzata alle colonne di San Lorenzo, nota piazza di spaccio”, gli attivisti radicali furono denunciati per istigazione a delinquere: “La realta’ pero’ e’ che noi stavamo distribuendo semi- conclude- e la donazione di semi in questo paese e’ legale”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»