FOTO | A Roma si apre una voragine in zona Colosseo: 20 persone evacuate da una palazzina

Chiusa via Marco Aurelio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Alle ore 8.45 circa, una squadra di Vigili del Fuoco è intervenuta in via Marco Aurelio 20, in zona Colosseo, per una voragine sul manto stradale che si è aperta a ridosso di un edificio di quattro piani con venti appartamenti, via Marco Aurelio 20. La via è stata chiusa al traffico dalla Polizia di Roma capitale del gruppo Trevi.

Un cedimento del manto stradale di circa 40 metri quadrati che ha riguardato la quasi totalità della carreggiata di via Marco Aurelio. La voragine si trova a ridosso della palazzina ma quasi l’intero piano stradale è inclinato. L’area che ha ceduto è delimitata da lunghe e profonde crepe. L’evacuazione dello stabile in Via Marco Aurelio 20 si sarebbe resa necessaria al termine del primo intervento dei Vigili del fuoco, che hanno riscontrato un cedimento strutturale della palazzina. Al momento le persone che sono state fatte uscire in strada sono circa 20. L’intervento della Polizia Locale è finalizzato ad offrire assistenza alloggiativa a chi ne avrà bisogno. La strada è stata chiusa da via Claudia a via Ostilia. In corso accertamenti per stabilire le cause di quanto accaduto.

RAGGI SUL POSTO: “NEL PALAZZO ANCHE BAMBINI”

“I tecnici sono al lavoro per capire le cause di questo ribassamento del piano stradale. Quello che mi preme comunicare è che la Protezione civile, grazie a un accordo che è stato fatto con Federalberghi, da stasera tutte le persone che hanno bisogno di assistenza alloggiativa la avranno. Non sarà lasciato in strada nessuno. Siamo tutti al lavoro”. Così la sindaca di Roma Virginia Raggi, durante un sopralluogo all’esterno della palazzina di via Marco Aurelio 20. “Nel palazzo ci sono circa 24 famiglie tra cui anche alcuni bambini, ma saranno tutti presi in carico in strutture alberghiere nei paraggi per evitare di causare disagi”, ha aggiunto Raggi.

INQUILINI: “PER NOI COLPA LAVORI METRO C”

“Per noi è colpa dei lavori della Metro”. “Mi sembra una strana coincidenza”. Così alcune delle persone evacuate dalla palazzina di via Marco Aurelio 20, che dista solo 50 metri dal cantiere della Metro C di piazza Celimontana. Melissa, ragazza milanese inquilina di un appartamento al quarto piano dello stabile racconta: “Ieri sera c’è stato un problema con il gas, una perdita, i tecnici sono intervenuti e hanno lavorato. Poi stamattina non avevamo nemmeno l’acqua. Quando sono uscita stamattina alle 8, ho visto la voragine transennata, ma poco dopo mi hanno detto che non potevo rientrare in casa e hanno transennato tutto. Mai vista una cosa del genere”, conclude.

L’AMMINISTRATORE: “MAI AVVISAGLIE NEL PALAZZO”

“Mai avute avvisaglie all’interno della palazzina”. A dirlo è Daniele Sergi, amministratore del condominio di via Marco Aurelio 20, dove questa mattina si è aperta una voragine e si è creato un grosso avvallamento. “Avevamo notato in passato un piccolo avvallamento del marciapiede, ma non immaginavamo una cosa del genere”.

L’ARCHITETTO: “SEGNALIAMO PROBLEMI DA ANNI”

Qui da anni abbiamo problemi con l’acqua. In questi dieci anni abbiamo mandato una serie segnalazioni: lettere, telefonate al municipio ai Vigili, al Comune. Vedevamo continuamente acqua sui muri dello stabile a ridosso del piano stradale. In strada invece vedevamo sospetti ristagni di acqua, piovana sicuramente. Ad agosto scorso proprio all’angolo con via Ostilia, sono stati fatti dei lavori su alcune tubature. Qui non ci sono caditoie funzionanti e le pendenze, a mio avviso, sono sbagliate”. A dirlo è Paolo Gelsomini, architetto e presidente dell’associazione Progetto Celio, che abita al secondo piano della palazzina di via Marco Aurelio 20. “Questo palazzo è comunque del 1883”.

VORAGINE IN ZONA COLOSSEO, ASSISTENZA ALLOGGIATIVA PER 13 PERSONE

Al momento sono 13 le persone, corrispondenti a 7 nuclei familiari, che hanno richiesto assistenza alloggiativa dopo l’evacuazione del palazzo. Per tutti gli inquilini la Polizia locale, ha attivato le relative procedure con la Protezione civile.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

20 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»