Venezia, Brugnaro: “Arriveremo a 570 vigili entro fine mandato”

Brugnaro lo ha detto a Padova, agli Stati generali della polizia locale del Nordest
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

VENEZIA – A Venezia “da 370 vigili arriveremo a 570 entro fine mandato. La Polizia locale è la struttura forte della città”. Lo afferma il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, partecipando agli Stati generali della polizia locale del Nordest, oggi a Camposampiero, provincia di Padova.

“L’investimento sulle Forze d’ordine locali è un investimento utile ai cittadini“, e “a Venezia siamo andati dritti su questa cosa perché crediamo che il diritto, la sicurezza e l’ordine pubblico debbano essere applicati e non solo raccontati”, prosegue il sindaco. “Noi abbiamo investito tantissimo sulla centrale operativa, sulle telecamere, sulle strumentazioni” e “abbiamo fatto degli accordi coi sindaci che hanno voluto”, per mettere a disposizione “nei confini della Città metropolitana”. Poi “abbiamo fatto accordi con il Viminale, il governo, e abbiamo avuto dei permessi particolari, abbiamo messo delle telecamere che sono automatiche con il riconoscimento di targhe e assicurazioni scadute, in maniera tale che si accende già la segnalazione a Venezia per la macchina che entra sul limite territoriale”, così che “l’idea della sicurezza sia integrata”.

Quindi, “chi vorrà entrare in questo sistema sarà il benvenuto“, conclude il sindaco, convinto che “se lavoriamo facendo rete possiamo raggiungere grandi risultati”.

Leggi anche:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»