Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

“Non possiamo crescerlo”: a Bari bimbo abbandonato in Chiesa

Il neonato ha pochi giorni di vita, a trovarlo il parroco: "Strillava come un matto ed era meraviglioso"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BARI – “Quando è squillato il telefonino alle 8.15 di stamattina il cuore mi è arrivato in gola perché sapevo bene il significato di quel suono…”. Don Antonio Ruccia è il parroco della chiesa di San Giovanni Battista, nel quartiere Poggiofranco di Bari e alla Dire rivela l’emozione provata nel trovare all’interno della culla termica della chiesa un neonato.

“Strillava come un matto ed era meraviglioso”, continua. Accanto al piccolo che dovrebbe avere non più di una settimana di vita, un biglietto lasciato dai suoi genitori. “C’era scritto che il nome da dargli, Luigi. E si diceva che la mamma e il papà lo avrebbero amato per sempre”, racconta con la voce tremula il parroco che è andato in caserma a denunciare l’accaduto.

“Ho chiamato subito il 118 e ora il bimbo è in ospedale”, continua il sacerdote che non se la sente di fare ipotesi sulle motivazioni del gesto.

“In collaborazione con il reparto di Neonatologia del Policlinico di Bari abbiamo pensato alla culla termica anni fa. L’iniziativa è stata attivata il 24 giugno del 2014 e oggi per la prima volta è stata usata. Mi creda, vedere quella vita nella culla mi ha riempito il cuore di meraviglia e gioia. È stato indescrivibile”.

LEGGI ANCHE: Dalla ruota degli esposti alla culla termica, la tecnologia accoglie i neonati

Il piccolo che indossava una tutina a fasce bianche e azzurre ora è accudito nel Policlinico barese. “Inutile dirle l’emozione dei colleghi che erano di turno”, dichiara alla Dire Nicola Laforgia primario di Neonatologia.

Come sta il neonato? “Molto bene e sembra sanissimo. È un bambino in ottime condizioni. Ha qualche giorno di vita e procederemo a tutti i controlli nelle prossime ore”, risponde e sottolinea: “È un segnale di speranza, nei giorni successivi alla pandemia per tutto quello che abbiamo vissuto. La scelta dei genitori è stata sicuramente sofferta. Non sappiamo i motivi alla base della scelta, forse motivi economici o altro. L’importante e’ che abbiano dato una possibilità a questo bambino, che e’ come se oggi rinascesse una seconda volta”.

Ora toccherà al tribunale dei minori avviare le procedure del caso, intanto “continueremo a prendercene cura noi”, aggiunge il neonatologo. “Abbiamo creato la culla termica sei anni fa e da allora non era stata mai usata. Quanto accaduto oggi, in questa assolata giornata di piena estate è davvero un segno di rinascita”, conclude.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»