Studenti occupano la facoltà di Scienze della Formazione a Genova: “Ora è Nuova Università Liberata”

occupazione università di genova
Una decina di ragazzi ha preso possesso dell'aula studio in corso Podestà per dare vita ad una "rivoluzione in presenza"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

GENOVA – Una decina di studenti del collettivo Come Studio ha occupato stamattina l’aula studio della facoltà di Scienze della Formazione dell’Università di Genova, in corso Podestà. Fornelli e sacchi a pelo, l’intenzione è quella di mantenere il più a lungo possibile il presidio in quella che è stata ribattezzata “Nuova Università Liberata”. Per gli attivisti si tratta di una “rivoluzione in presenza: dopo più di un anno di allontanamento forzato dalla nostra università, un anno in cui abbiamo visto i nostri diritti calpestati nel più ipocrita e viscido dei modi, abbiamo deciso di prendere l’iniziativa. Spetta a noi studenti e lavoratori attuare una critica pratica contro una logica istituzionale che affianca e sostiene la società di classe. Questa occupazione vuole restituire alla città un’università popolare e universale, intesa come ambasciatrice di diritti e non come un’azienda che fornisce un servizio”.

occupazione università di genova

I giovani sottolineano che “la pandemia ha obbligato il mondo a fermarsi, il virus esiste e non saremo certo noi a negarlo; saremo invece noi a dire che lo stravolgimento che il Covid ha creato non è stato uguale per tutti e tutte. Saremo noi a dire che c’è chi in questi mesi ha continuato a guadagnare miliardi e chi per quei miliardi ha perso la vita. Saremo noi a dire che l’onda d’urto è stata così ampia perché questo Stato non è stato in grado di investire lì dove sono i veri interessi della collettività. Saremo noi a dire che non è più possibile mascherare con la retorica dell’emergenza il fallimento di un intero Stato”.

Il collettivo spiega ancora che “la nuova università liberata è solidale con tutte le lotte portate avanti nella città, nel paese e nel mondo”, come quelle dei Collettivo autonomo dei lavoratori portuali genovesi o del movimento No Tav. “Noi siamo qui per iniziare un cammino di liberazione, un cammino che non si fermerà alle mura di questo edificio o all’Università di Genova, ma che porterà alla costruzione di un nuovo mondo, necessario e possibile, e all’abbattimento del regime vigliacco che ci prospetta solo fame, solitudine e precarietà- concludono gli universitari- a pochi giorni dal 25 aprile, rilanciamo con forza l’urlo della resistenza contro la vostra barbarie”.

LEGGI ANCHE: A.A.A. cercasi avvistatori di pappagallini verdi: il Comune di Genova avvia un censimento

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»