Coronavirus, positiva una delle protagoniste de ‘La casa di Carta’: è Itziar Ituno, alias ‘Lisbona’

"Il mio caso è lieve e io sto bene, ma è molto molto contagioso e super pericoloso per le persone più deboli. Questa non è una sciocchezza"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Dopo Tom Hanks e Kristofer Hivju  del Trono di Spade, un altro personaggio dello show business ha dichiarato di essere risultato positivo al Coronavirus. Si tratta di Itziar Ituno, l’investigatrice Raquel Murrillo, trasformatasi in ladra con il nome di Lisbona, protagonista della celebre serie tv ‘La casa di carta‘. Ad annunciarlo la stessa attrice su Instagram, dove postando una foto ieri ha scritto: “E’ ufficiale, da venerdi sera ho i sintomi (febbre e tosse secca) e oggi è arrivata la conferma del test epidemiologico. E’ il coronavirus”. “Il mio caso è lieve e io sto bene, ma è molto molto contagioso e super pericoloso per le persone più deboli. Questa non è una sciocchezza- ha messo in guardia l’attrice-, attenzione, non prendetela alla leggera, ci sono stati tanti morti, molte vite sono in gioco e non sappiamo ancora fino a che punto andrà, quindi è giunto il momento di iniettarsi il vaccino della responsabilità del bene comune. È un momento di solitudine e generosità! Per stare a casa e proteggere gli altri – ha concluso -. Devo stare 15 giorni in quarantena e poi si vedrà! Abbiate tutti cura di voi”.

https://www.instagram.com/p/B94G2HsAs7M/?utm_source=ig_embed

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»