Coronavirus, Beppe Fiorello: “Basta canzoni ai balconi. Ci sono camion militari pieni di morti. Dichiarare lutto nazionale”

E' lo sfogo che l'attore lancia sul web
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Camion militari per portare le bare dei morti e ancora si canta sui balconi, si fanno battutone spiritose su questa tragedia epocale, si fanno Happening sui social, Dobbiamo fare tre giorni di lutto nazionale, rispetto per i morti e le loro famiglie, social si ma senza fare festa”. E’ lo sfogo lanciato questa mattina su Twitter da Beppe Fiorello. L’attore, impegnato da giorni come molti suoi colleghi nel sensibilizzare l’opinione pubblica sulla necessita’ di restare a casa per bloccare l’epidemia, posta sul social una foto dell’esercito intervenuto a Bergamo per portare via le bare delle tante vittime del coronavirus, costrette a lasciare la citta’ perche’ i cimiteri sono pieni e non possono ospitarle.

LEGGI ANCHE: VIDEO | “Signore, abbassa il volume? Tra sei ore sono in reparto”

Qualche ora piu’ tardi Beppe Fiorello ha pubblicato un video sui social, un appello affinché venga istituita una giornata di lutto nazionale “per rispetto e in memoria delle persone che sono già morte, che continuano a morire e che moriranno. Un giorno soltanto, chiudiamo tutto e poi ricominciamo a fare cio’ che e’ giusto fare. Stare vicini, intrattenerci”.

Camion militari per portare le bare dei morti e ancora si canta sui balconi, si fanno battutone spiritose su questa tragedia epocale, si fanno Happening sui social, Dobbiamo fare tre giorni di lutto nazionale, rispetto per i morti e le loro famiglie, social si ma senza fare festa pic.twitter.com/nlfFEDRdtf

— Giuseppe Fiorello (@BeppeFiorello) March 18, 2020

#giuseppefiorello pic.twitter.com/1OYt4c1PeY

— Giuseppe Fiorello (@BeppeFiorello) March 19, 2020

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»