Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Rifiuti Campania, Fico a Renzi: “Noi avremmo preso provvedimenti enormi”

Oggi il flash mob dei portavoce M5S fuori alla sede della Regione Campania, a Napoli, per chiedere le dimissioni del governatore Vincenzo De Luca e di suo figlio Roberto
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – “Il Tg1 con Montanari e Orfeo si sta comportando malissimo perché sta derubricando la notizia come news di cronaca e non è possibile. Se questo scandalo avesse coinvolto il Movimento 5 Stelle quel telegiornale avrebbe dedicato 40 minuti alla vicenda“. E’ l’opinione espressa da Roberto Fico, presidente della Commissione di Vigilanza Rai, nel corso di un flash mob dei portavoce M5S fuori alla sede della Regione Campania, a Napoli, per chiedere le dimissioni del governatore Vincenzo De Luca e di suo figlio Roberto, dopo l’inchiesta di Fanpage su rifiuti e corruzione.

A Renzi dico che se nel nostro movimento ci fosse stata una situazione di questo tipo, noi avremmo preso provvedimenti enormi

“A Renzi – prosegue il deputato pentastellato – dico che se nel nostro movimento ci fosse stata una situazione di questo tipo, noi avremmo preso provvedimenti enormi. Si usano due pesi e due misure per il caso restituzione, e noi abbiamo cacciato le persone coinvolte, e per quello che coinvolge i De Luca”.

Queste persone devono essere cacciate via definitivamente

“Quello usato dal governatore della Campania nei confronti dell’inchiesta di Fanpage su rifiuti e camorra “è un tipico linguaggio ‘alla De Luca’ che fa schifo”, dice Roberto Fico. “È una vergogna assoluta – continua il deputato – che si possa gestire anche solo 1 grammo di spazzatura così, come mostrano quelle immagini. Questa terra si è ammalata grazie all’atteggiamento e alla corruzione di queste persone che devono essere cacciate via definitivamente”. Il “sistema De luca”, così lo definisce Fico, “è inadempiente su tutto ed è gravissimo”. Il presidente della Commissione di vigilanza Rai parla anche della figura dell’agente provocatore, nel caso di Fanpage, di Nunzio Perrella, l’ex boss che si è seduto al tavolo con politici e intermediario in qualità di gancio della testata.

“Può far venire fuori sistemi corruttivi non indifferenti. Dopo l’emergenza rifiuti – ragiona Fico – e il grande sistema mafioso che comprendeva imprenditori corrotti, politici locali e nazionali e camorristi, dobbiamo avere la massima attenzione. Mi sembra che questa Regione e De Luca o si siano dentro fino al collo o comunque non abbiano quest’attenzione”.

https://youtu.be/sBKMWD5NgnY

Alle elezioni mancano

Giorni Ore Minuti Secondi

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»