Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Tra ‘remuntade’ e plebisciti, onda rossa in 14 Municipi di Roma su 15

Al centrodestra solo il Municipio VI, dove il centrosinistra non era riuscito ad accedere al ballottaggio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – È una vera e propria ‘onda rossa’ quella che ha attraversato Roma nel secondo turno delle amministrative: la vittoria schiacciante di Roberto Gualtieri, che ha raccolto oltre il 60% dei voti contro Enrico Michetti, ha trainato i candidati minisindaci del centrosinistra nei ballottaggi in tutti i territori portandoli a conquistare ben 14 Municipi su 15, a un soffio dall’en plein registrato nel 2013 con l’elezione di Ignazio Marino, in molti casi ribaltando – proprio come Gualtieri – lo svantaggio del primo turno: sono ben 8 le ‘remuntade’ ai danni degli avversari, che in alcuni casi (come in X e in XV) erano avanti anche di 13 punti.

LEGGI ANCHE: Ballottaggio Roma, Roberto Gualtieri è il nuovo sindaco della Capitale

La coalizione si è assicurata tutti i ballottaggi che la vedevano in corsa, con risultati che vanno dal ‘plebiscito’ di Ciaccheri in VIII al ‘corto muso’ di Torquati in XV; di diverso colore solo il VI Municipio, l’unico in cui a sfidarsi erano il centrodestra di Nicola Franco e Francesca Filipponi del M5S, con la vittoria del primo (61,01 a 38,99).

In I Municipio vittoria senza appello con il 65,92% per Lorenza Bonaccorsi contro il 34,08% di Lorenzo Santonocito; in II guadagna la riconferma la minisindaca uscente Francesca Del Bello con il 64%, a fronte del 36 di Patrizio Di Tursi; in III netta affermazione di Paolo Marchionne, già presidente dal 2013 al 2015, con il 62,37% contro il 37,63% di Giordana Petrella; in IV Massimiliano Umberti, che partiva in svantaggio di 4 punti, raggiunge il 59,30%, battendo Roberto Santoro fermo al 40,70; in V Mauro Caliste con il 59,54% supera lo sfidante Daniele Rinaldi (40,46%), che due domeniche fa si era piazzato primo per soli 128 voti.

LEGGI ANCHE: Comunali Roma, da Simoni ad Alfonsi: ecco le prime ipotesi per la giunta Gualtieri

In VII Municipio Francesco Laddaga batte con il 63,70% il candidato di centrodestra Luigi Avveduto (36,30%); in VIII riconferma di Amedeo Ciaccheri, a valanga con il 70,09% su Alessio Scimè (29,91%), la forbice più ampia tra tutti i ballottaggi; in IX vince Titti Di Salvo con il 58,77% contro il 41,23% di Massimiliano De Juliis, recuperando il 4% di svantaggio del primo turno; in X la spunta Mario Falconi, che raccoglie il 53,28% dei voti contro il 46,72 di Monica Picca ribaltando il -13 del 4 ottobre (finì 39 a 26); in XI Gianluca Lanzi (59,46%) supera Daniele Catalano (40,54%), anche qui recuperando uno svantaggio, seppur minimo (era sotto di 180 voti). In XII Municipio netta affermazione di Elio Tomassetti (66,50) su Pietrangelo Massaro (33,50); in XIII Sabrina Giuseppetti (55,47), partendo da oltre 8 punti sotto, batte Marco Giovagnorio (44,53); in XIV la ribalta anche Marco Della Porta (59,06), che supera Domenico Naso (40,94) nonostante un ritardo di quasi il 3%; in XV la partita più aperta, con Daniele Torquati (51,49%) che alla fine la spunta su Andrea Signorini (48,51%) per poco più di 1.400 voti, recuperando lo svantaggio di oltre 13 punti percentuali registrato al primo turno.

LEGGI ANCHE: Comunali, Centrosinistra batte Centrodestra cinque a zero

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»