Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Giorgetti: “Possibile green pass per riaprire le discoteche”

discoteca_musica_sballo
Il ministro dello Sviluppo economico ha annunciato anche che nel prossimo decreto Sostegni bis ci sarà "un fondo gestito dal Mise e Mef" dedicato ad attività come "sale da ballo e sale da gioco che non hanno la possibilità di fatturare da mesi"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

di Luca Monticelli e Vania Vorcelli

ROMA – Il green pass per andare in discoteca “forse è l’unica via di fuga” per il settore. Lo ha detto il ministro dello Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti, intervenendo alla presentazione del rapporto Fipe-Confcommercio.

LEGGI ANCHE: Bassetti: “Pronto un protocollo per le discoteche. Basta crocifiggere i giovani”

Nel prossimo decreto Sostegni bis ci sarà anche “un fondo gestito dal Mise e Mef” dedicato ad attività come “sale da ballo e sale da gioco che non hanno la possibilità di fatturare da mesi”, ha annunciato. “Cercheremo di intervenire con una sorta di forfait”, ha concluso Giorgetti.

DOPO MILANO E GALLIPOLI, BOLOGNA SCALPITA: “ANCHE QUI DISCOTECHE APERTE CON GREEN PASS”

Le discoteche bolognesi scalpitano per riaprire le porte al pubblico. Per questo chiedono di poter ‘sperimentare’ l’utilizzo del green pass come faranno il Fabrique di Milano e la Praja di Gallipoli. “Fateci riaprire con le stesse modalità che saranno sperimentate, nei prossimi giorni, in Puglia e in Lombardia. Le nostre discoteche sono pronte per fare da apripista alla ripartenza in sicurezza dei locali da ballo”, assicura Oliviero Giovetti, presidente Silb-Confcommercio Ascom Bologna. “Chiediamo che le discoteche bolognesi vengano inserite in questo percorso fondamentale per la ripartenza di tutto il settore. I titolari dei locali da ballo sono pronti a mettere a disposizione le loro sale per i test e valutare il miglior modo per riaprire i cancelli delle discoteche. Crediamo che una città come Bologna e i giovani che la frequentano possano rappresentare un campione significativo per capire come e soprattutto se il Covid si diffonde”, spiega Giovetti.

“Non siamo andati in piazza a protestare, non abbiamo voluto aprire contenziosi con le istituzioni, ma ora è arrivato il momento di ripartire. Se il problema sono gli assembramenti e la capienza delle discoteche siamo pronti a rivedere al ribasso gli ingressi dei ragazzi in sala pur di tornare a lavorare. Si rivedano i protocolli, ma non è pensabile che riaprano i centri culturali e non le discoteche”, conclude il presidente del Silb.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»