Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Reggio Calabria, sequestrata discarica abusiva di rifiuti

Un'area di 4000 mq, scoperto anche eternit nell'area adiacente a una fiumara
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

REGGIO CALABRIA – Una discarica abusiva di circa 4.000 mq, con rifiuti ritenuti altamente pericolosi, e’ stata posta sotto sequestro a Reggio Calabria, dai militari della Capitaneria di Porto e dalla Guardia di Finanza. L’area interessata si trova adiacente ad una fiumara in localita’ Valanidi, nella zona sud della citta’. Nel corso delle attivita’ di sopralluogo, i militari hanno rivenuto un ingente quantitativo di lastre di eternit, alcune delle quali risultavano sgretolate con conseguente possibile dispersione di pulviscoli pericolosi di amianto e quindi di rischio ambientale e sanitario.

I rifiuti abbandonati sul greto del torrente, in caso di eventi alluvionali, sarebbero stati trasportati in mare con conseguente inquinamento delle acque e dei fondali, oppure avrebbero potuto formare pericolose ostruzioni del torrente deviando il normale flusso idrico e avrebbero costituito potenziale pericolo per la pubblica incolumita’.

L’intera area e’ stata sigillata e posta sotto sequestro penale in attesa dello smaltimento affidato agli organi preposti. Gli atti di polizia giudiziaria redatti sono stati trasmessi alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Reggio Calabria per la successiva convalida.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»