VIDEO | Coronavirus, il mercato di Testaccio è deserto: “Casse vuote, una tragedia”

"Di solito siamo in 4-5 a lavorare, ora pero' lavoro da solo, gli altri sono tutti in cassa integrazione"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Tantissimi banchi chiusi, la maggior parte. Niente street food. Clienti pochi. Il mercato di Testaccio, municipio I di Roma, vive giornate difficilissime.

“Abbiamo perso tra il 70 e l’80% dei guadagni”, dicono i commercianti. Il mercato, una struttura nuova inaugurata pochi anni fa, di solito e’ pieno di residenti che fanno spesa. Arrivano qui tanti giovani universitari, la facolta’ di Architettura di Roma Tre e’ dietro l’angolo. Loro, come molti turisti, pranzano qui: la scelta di cibo da strada e’ varia.

Pizzerie, friggitorie e paninerie sono chiuse pero’, per decreto o perche’ non c’e’ lavoro. Di solito al banco della pasta espressa c’e’ la fila per una cacio e pepe, un’amatriciana, una carbonara. Oggi e’ deserto.

“La situazione e’ tragica- dice il titolare- pochissima gente, la cassa e’ vuota. Di solito siamo in 4-5 a lavorare, ora pero’ lavoro da solo, gli altri sono tutti in cassa integrazione“.

I banchi che vendono vestiti e casalinghi sono chiusi. Il mercato ha tante entrate, ma sono quasi tutte sbarrate: la polizia ne ha lasciate aperte un paio, per contingentare l’afflusso di clienti, ma non ce n’e’ bisogno. Resta aperto qualche banco della carne, del pesce, di frutta e verdura.

“Siamo tutti sulla stessa barca- dice un contadino che fa vendita diretta dei suoi prodotti- sono quasi tutti chiusi. L’ortofrutta resta aperto, qualcuno viene, facciamo qualche consegna a domicilio, ma speriamo che finisca presto”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

18 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»