hamburger menu

Tratta di persone e prostituzione a Palermo, 4 arresti al clan nigeriano dopo la denuncia di una vittima

La ragazza ha raccontato le violenze subite da persone appartenenti alla mafia del paese africano e delle modalità con cui era riuscita a fare ingresso clandestino in Italia

PALERMO – Tratta di persone, riduzione in schiavitù, sequestro di persona, sfruttamento della prostituzione e favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Questi i reati contestati a quattro cittadini nigeriani arrestati dalla polizia a Palermo con l’aggravante di avere fatto parte della mafia del paese africano e, in particolare, del secret cult denominato ‘Black Axe‘.

L’operazione, condotta dalla sezione Criminalità straniera e prostituzione della squadra mobile di Palermo, è stata coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia del capoluogo siciliano ed è nata dalla denuncia di una ragazza nigeriana, accompagnata da un pastore pentecostale della stessa nazionalità, a cui la vittima si era rivolta per sottrarsi ai suoi aguzzini. La ragazza ha raccontato le violenze subite nel suo paese d’origine ad opera di persone appartenenti ad un’organizzazione ‘cultista’ e delle modalità con cui era riuscita a fare ingresso clandestino in Italia, per poi essere destinata alla prostituzione.

La vittima era stata segregata nel suo paese d’origine da un gruppo di uomini appartenenti ‘Black Axe’, riuscendo a liberarsi grazie all’intercessione di un connazionale, dietro suo impegno a recarsi in Italia come schiava di quel gruppo. Per questo motivo era stata sottoposta anche a un rito vodoo durante il quale aveva promesso di restituire 15.000 euro, somma necessaria per raggiungere illegalmente l’Italia. Giunta a Palermo, la ragazza, in stato di soggezione e sotto la minaccia di morte e violenze, è stata costretta a prostituirsi consegnando il denaro per la restituzione del debito. La donna, però, è riuscita a sottrarsi ai suoi aguzzini rivolgendosi al pastore, a sua volta minacciato di morte. Il provvedimento è stato eseguito con la collaborazione della squadra mobile di Taranto, dal momento che tre dei destinatari si trovavano al momento nella cittadina pugliese. 

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-01-18T12:19:37+02:00