Niente test di Medicina per i Covid-positivi, Manfredi: “Serve una soluzione giuridica”

Il ministro esclude catgoricamente la ripetizione della prova, ma dichiara disponibilità in caso di "soluzione giuridica"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

BOLOGNA – Per chi è stato escluso dai test per l’ammissione a Medicina a causa del Covid oggi è escluso un recupero della prova, ma “se si trovasse una soluzione giuridica che garantisca i diritti sia dei quarantenati che di tutti gli altri, a quel punto sicuramente daremo disponibilità“. Lo afferma il ministro dell’Università e della Ricerca, Gaetano Manfredi, a margine della presentazione del progetto Lotto 1 del Tecnopolo di Bologna. Quello degli esclusi dai test “è un argomento che mi sta molto a cuore ma bisogna inquadrare il contesto”, sottolinea Manfredi.

LEGGI ANCHE: È positiva al Covid (e lo sa) ma va al test di Medicina a Bologna, denunciata

“Da un punto di vista emotivo siamo molto vicini a questi ragazzi che hanno avuto questa vicissitudine perché ammalati o in quarantena”, continua il ministro, aggiungendo che “sono un numero piccolissimo però sicuramente sono alla nostra attenzione”.

Dai dati a disposizione, “si tratta di 40 o 41 persone su 66.000 candidati”, ricorda il ministro, rimarcando che “dobbiamo operare in una logica di diritto e dobbiamo garantire pari opportunità per tutti i 66.000 candidati”. Quello di cui si parla “non è un esame ma un concorso di ammissione, c’è una differenza enorme- sottolinea Manfredi- perché l’esame uno lo può ripetere non essendoci un numero di posti che va coperto”.

Mentre “il parere che ci è stato dato dalla funzione pubblica è che quando si fa un concorso”, continua il ministro, “la malattia non è motivo per poter richiedere la ripetizione della prova. E’ capitato a chiunque di noi in qualche occasione”: per un infortunio o per un aereo perso “a nessuno è stato mai concesso di ripetere un concorso”.

Lo stesso vale per l’ammissione a Medicina: “In un’ottica di parità di condizioni con gli altri 66.000 meno 41- afferma il ministro- al momento ripetere la prova non è possibile“. Perchè altrimenti “dovrebbero ripeterla tutti coloro che non hanno partecipato perchè erano ammalati o avevano degli altri impedimenti paragonabili a una malattia”.

Questo in un concorso “non è possibile perché la norma prevede che non possa avvenire, quindi al momento- conclude Manfredi- non c’è una soluzione giuridica che consenta di poter ripetere la prova. Se ci saranno situazioni e decisioni diverse, le valuteremo“.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

17 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»