NEWS:

La Città Metropolitana di Napoli lancia da Caivano il progetto AS.S.O.

Il sindaco metropolitano Manfredi: "Inclusione sociale e accesso al mercato del lavoro sono i veri antidoti contro la barbarie e le violenze"

Pubblicato:06-10-2023 20:19
Ultimo aggiornamento:06-10-2023 20:19
Autore:

Caivano Progetto As.s.o città metropolitana napoli
FacebookLinkedInXEmailWhatsApp

CAIVANO –  “Il progetto AS.S.O. offre possibilità concrete di inclusione sociale e di accesso al mercato del lavoro, veri antidoti contro la barbarie e le violenze che hanno caratterizzato i recenti fatti di cronaca al Parco Verde. La Città Metropolitana è vicina alla città di Caivano, ma anche a tutti i comuni dell’area a nord di Napoli con azioni concrete, come questa, che possano migliorare la vivibilità complessiva di questi territori, e non solo dal punto di vista della mobilità”. È quanto spiega il sindaco metropolitano di Napoli Gaetano Manfredi che questo pomeriggio, nell’istituto comprensivo statale S.M. Milani di Caivano, ha partecipato alla presentazione del progetto “AS.S.O. AScolto, Supporto, Orientamento”.

Inserito negli investimenti del Pnrr relativi ai Piani Urbani Integrati (Pui) per il periodo 2022-2026, e in particolare il progetto Smart City Napoli Nord, prevede l’istituzione di presidi, fissi e mobili, definiti “Centro Polifunzionali-Psicosociale” che rappresenteranno il punto di riferimento di coloro che avranno bisogno di accoglienza e supporto, di informazione e orientamento, con l’obiettivo di prevenire e ridurre difficoltà sia materiali che sociali. Sono coinvolti 13 Comuni dell’area metropolitana della Città di Napoli: Acerra, Afragola, Arzano, Caivano, Cardito, Casandrino, Casavatore, Casoria, Crispano, Frattamaggiore, Frattaminore, Grumo Nevano, Melito. Alla popolazione interessata, circa 425mila abitanti, saranno offerti servizi di help line telefono amico, sportello psicologico, sportello legale, sportello migranti, orientamento al lavoro e orientamento all’autonomia abitativa, ma sono previsti anche corsi, laboratori e attività sportive, campagne di formazione e sensibilizzazione.

“INSIEME PER SCONFIGGERE IL DEGRADO SOCIALE”

Il progetto vede come soggetto proponente la Città Metropolitana di Napoli, come comune capofila il Comune di Cardito e sarà realizzato dalle associazioni Arci Mediterraneo Impresa Sociale SRL e Antinoo Arcigay Napoli. Il primo info-point a partire sarà proprio a Caivano, nello sportello di Codice Rainbow, in viale Margherita, al Parco Verde, rafforzando il presidio già esistente.


“Solo offrendo possibilità concrete di lavoro e di inclusione – sottolinea Giuseppe Cirillo, sindaco di Cardito e vicesindaco della Città Metropolitana di Napoli – si può sconfiggere il degrado sociale che persiste in alcune aree. Lo sviluppo dei territori parte dall’istruzione, dalla cultura, dal rispetto dei diritti civili, ecco perché ritengo particolarmente significativo che questo progetto sia presentato qui, in una scuola, primo presidio di legalità”.

Il progetto AS.S.O. è inserito nel più ampio programma Smart City Napoli Nord, finanziato con 52 milioni di euro e finalizzato a realizzare un sistema di mobilità elettrica collettivo, con servizi di info-mobilità per l’utenza, recupero, sistemazione a verde e valorizzazione delle aree da destinare alla sosta e allo stazionamento, che interessa un territorio di 140 chilometri quadrati.

“I CITTADINI TOCCHERANNO CON MANO LE AZIONI MESSE IN CAMPO CON IL PNRR”

“Questo progetto – ricorda Antonello Sannino di Antinoo Arcigay Napoli, coordinatore del progetto “Codice Rainbow” – si avvale di fondi del Pnrr, quindi finalmente i cittadini possono toccare con mano anche le azioni concrete realizzate grazie a questi famigerati stanziamenti del Piano nazionale di ripresa e resilienza. Noi cerchiamo di dare risposte ai bisogni della cittadinanza a rischio di marginalità o discriminazione, andando a rafforzare quei presidi già presenti sul territorio di Caivano o degli altri comuni per dare risposte concrete”.

Presenti all’incontro, moderato dal giornalista e conduttore televisivo Alessandro Cecchi Paone, anche Mario Morcone, assessore alla Sicurezza, Legalità, Immigrazione della Regione, Mariano Anniciello, amministratore delegato Arci Mediterraneo Impresa Sociale SRL, e molti sindaci dei Comuni interessati dall’intervento, oltre ai dirigenti dei relativi settori Servizi Sociali e degli Ambiti sociali di riferimento N 17 (Frattamaggiore, Casandrino, Frattaminore, Grumo Nevano) N 18 (Casoria, Casavatore, Arzano), N 19 (Afragola, Caivano, Cardito, Crispano) e N20 (Acerra).

A Caivano e nei comuni dell’area a nord di Napoli “la Regione Campania – ricorda Morcone – sta mettendo in campo tutto quello che è di sua competenza. Intanto, la scuola, il sostengo a percorsi scolastici che consentano di costruire una strada di futuro più solida e maggiori speranze. Ma, al tempo stesso, ci sono il lavoro, perché il lavoro è dignità, il rispetto delle regole, la convivenza civile, e i diritti”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it


California Consumer Privacy Act (CCPA) Opt-Out IconLe tue preferenze relative alla privacy