Nasce in Basilicata la polizia ambientale, Bardi: “Passo importante per la tutela del territorio”

Svolgerà accertamenti e attività di controllo in tutti i settori ambientali, tra i quali spiccano il ciclo dei rifiuti, i siti contaminati e le bonifiche da amianto
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

POTENZA – “E’ un passo importante per rafforzare il sistema dei controlli. Non basta emettere norme e dare prescrizioni se poi non sono sostenute da una vigilanza serrata. Tutto cio’ per preservare il piu’ possibile il nostro territorio”. Cosi’ il governatore lucano Vito Bardi commenta la nascita in Regione Basilicata della polizia ambientale. L’istituzione e’ stabilita con un decreto a firma del presidente. Il provvedimento affida le funzioni di ufficiali e di agenti di polizia amministrativa ai dipendenti in servizio negli uffici del dipartimento Ambiente che svolgeranno accertamenti e attivita’ di controllo in tutti i settori ambientali, tra i quali spiccano il ciclo dei rifiuti, i siti contaminati e le bonifiche da amianto, l’attivita’ urbanistico-edilizia, le sanatorie e i condoni edilizi, la vigilanza concernente i provvedimenti regionali adottati in materia di autorizzazione integrata ambientale e autorizzazione alle emissioni in atmosfera, di qualita’ dell’aria, inquinamento acustico, inquinamento radioattivo, campi elettromagnetici e industrie a rischio incidente rilevante. “Tutto cio’ – ha detto l’assessore al ramo Gianni Rosa – portera’ a un miglioramento della operativita’ rispetto a tutta una serie di fattispecie. Un ulteriore passo in avanti per arrivare ad avere una macchina amministrativa maggiormente efficiente ed efficace che meglio risponda alle esigenze della comunita’ lucana”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»