Partono i trekking sugli Appenini di Bologna. E a sorpresa può spuntare l’artista

Al via 'Crinali', proposte di trekking per l'estate con un ingrediente culturale: sono previsti spettacoli a sorpresa di musicisti e artisti. La rassegna proseguirà in autunno
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

BOLOGNA – Passeggiare immersi nella tranquillità del bosco e della natura e incontrare, per caso, artisti vicino agli alberi, lungo i sentieri o sopra torrette nei borghi storici, pronti a condividere la loro arte con i camminatori. E’ quello che potrà succedere dall’1 luglio al 15 agosto lungo l’Appennino bolognese, a chi sceglierà di partecipare alle giornate di ‘Crinali‘, nuova proposta turistica ideata da Destinazione turistica Bologna metropolitana e l’assessorato alla Cultura e al Paesaggio della Regione Emilia-Romagna. In un solo progetto si ‘uniscono’ due emergenze accentuate dall’esperienza del coronavirus: la tutela dell’ambiente e il sostegno agli operatori culturali. Così, da luglio, in un calendario che prevede già 75 appuntamenti fino al 15 agosto, i camminatori potranno incontrare lungo i percorsi, senza preavviso, musicisti, narratori e in generale artisti che si esibiranno al loro passaggio.

LEGGI ANCHE: Testa già in vacanza, a Bologna parte la corsa per trovare una casa sull’Appennino

 

“Il dono che questi personaggi regaleranno con la loro arte e le loro conoscenze non è pensato per una moltitudine di persone, bensì per pochissimi- spiega Marco Tamarri, responsabile settore Cultura e Turismo dell’Unione dei Comuni dell’Appennino- potrà capitare che accada anche per un unico camminatore”.

Complessivamente, si tratta di un investimento di 400.000 euro, sostenuto soprattutto dai Comuni toccati dai percorsi dell’Alta via dei Parchi, via della Lana e della seta (fino a Prato), via degli Dei (fino a Firenze), via Mater Dei, via Piccola Cassia e della via Linea Gotica. “Il coronavirus ha accelerato la voglia di stare all’aria aperta delle persone ed è una grande opportunità da cogliere, e ‘Crinali’ si unisce anche all’offerta culturale dell’estate”, dice Matteo Lepore, presidente Destinazione turistica di Bologna metropolitana. 

Il 90% degli artisti coinvolti è originario delle zone in cui si sviluppano i cammini o comunque dell’Emilia-Romagna, proprio per valorizzare le realtà locali. “Tutti i professionisti sono pagati”, precisa Tamarri, raccontando di aver avuto l’idea di ‘Crinali’ proprio cercando un modo per ‘dare lavoro’ a tutte quelle persone attive nel mondo della cultura e dello spettacolo rimaste senza lavoro a causa dell’emergenza sanitaria. Tra i vari artisti che si possono incontrare lungo la strada, ci sono anche nomi celebri come gli attori Giorgio Comaschi, Vito, Paolo Cevoli, Anna Bonaiuto; ma anche circensi, musicisti e scrittori come Marcello Fois, Gianluca Morozzi e Paolo Benvegnù. Questo “nuovo turismo ha nella valle del Reno una delle dimostrazioni di rilievo nazionale. Vi faccio solo un elenco di tutti i beni culturali in quella valle: la Chiusa di Casalecchio, Sasso Marconi; il luogo della strage civile forse più importante della Seconda guerra mondiale, al netto della Shoah (Marzabotto, ndr); la Rocchetta Mattei; la chiesa progetta da Alvar Aalto; la casa di Morandi a Grizzana, le Terme a Porretta..”, dice l’assessore alla Cultura della Regione Emilia-Romagna. Insomma, per Felicori quello che viene fatto in questa zona della regione deve “essere il prototipo da moltiplicare per dieci in regione, in Italia per cento, idea nuova che proponiamo e di marketing territoriale”.

Le date fino al 15 agosto (tutte consultabili sul sito dedicato) sono solo una prima parte di ‘Crinali’, che in realtà continuerà fino al 31 dicembre. “Nelle nostre montagne l’autunno è un periodo meraviglioso, i colori variegati si trovano solo qui, perché nei nostri boschi ci sono i grandi giganti, i faggi, e soprattutto i castagni, che già in altri periodi bui della storia di queste zone hanno salvato la gente della montagna”, si legge sul comunicato di lancio del progetto. Ogni partenza sarà libera all’interno della fascia oraria annunciata, per evitare gli assembramenti non ci saranno punti di incontro o di raccolta, ma solo steward all’inizio e durante i percorsi opportunamente segnalati che indicheranno i tragitti e forniranno le informazioni necessarie. Stando alle disposizioni di prevenzione per il coronavirus, ogni gruppo non potrà superare le 15 unità e i partecipanti dovranno presentarsi muniti di mascherina.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

17 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»