Coronavirus, D’Amato: “Nel Lazio chiusure anche oltre il 3 aprile”

Lo ha affermato l'assessore regionale alla Sanita', Alessio D'Amato, in un'intervista sul Corriere della Sera
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – I tempi per uscire dall’emergenza coronavirus “non saranno brevi. Al momento non ci sono e non credo ci saranno le condizioni per la riapertura delle scuole”. Lo ha affermato l’assessore regionale alla Sanita’, Alessio D’Amato, in un’intervista sul Corriere della Sera. 

“Le nostre previsioni, confermate anche dall’andamento del virus, non parlano di un raddoppio dei casi, ma di un aumento del 20-30 per cento– ha spiegato D’Amato- Fino ad arrivare a tre volte tanto quelli che sono oggi. Questa e la prossima settimana saranno importantissime per verificare l’efficienza e l’esito delle misure restrittive del governo”. 

Per quanto riguarda la possibilita’ di effettuare anche nel Lazio tamponi a tappeto, l’assessore ha risposto: “Si’, ma va specificato gli asintomatici non rientrano in questa procedura. I test verranno fatti su chi presenta sintomi e ha avuto contatti con persone risultate positive. A oggi ne abbiamo fatti 9.630, il doppio di Piemonte, Toscana e Friuli Venezia Giulia”. 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

17 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»