Governo, Provenzano ad Annunziata: “Ma avete invitato il fratello gemello di Renzi?”

Il ministro per il Sud: "Immagino che non tutti i parlamentari di Italia viva abbiano condiviso i giudizi espressi da Renzi"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Non ho capito se avete invitato il fratello gemello di chi ha aperto una crisi in piena pandemia con Conte che aveva dichiarato la sua intenzione di aprire un tavolo per discutere appena due ore prima. Se invece era Renzi gli esprimo solidarieta’ per aver votato” fino ad oggi, “una compagine di governo cosi’ mediocre…“. Lo dice Giuseppe Provenzano, ministro per il Sud, ospite di ‘Mezz’ora in piu” su Raitre.

LEGGI ANCHE: Governo, Renzi: “L’obiettivo non è cacciare Conte, ma non votiamo la fiducia”

Immagino che non tutti i parlamentari di Italia viva abbiano condiviso i giudizi espressi da Renzi. Non faccio previsioni su quello che succedera’ in Parlamento. La situazione e’ grave e tutti gli scenari per il Paese sono aperti”, aggiunge Provenzano, escludendo pero’ un ritorno di Iv nella maggioranza. “Si e’ aperta una crisi politica mentre e’ in corso crisi sanitaria. Di tutto aveva bisogno il Paese che di una crisi politica”.

LEGGI ANCHE: Un’altra defezione in Italia Viva, la deputata Rostan voterà fiducia a Conte

Un partito di Conte? “Io credo nei partiti non nelle liste personali. Altro discorso sarebbe un partito di centro liberale, europeista”. In ogni caso, “bisognera’ chiederlo al presidente del consiglio”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»