Lavoro, riders contro Domino’s pizza: “Ci ha mandato in giro con la neve, alla faccia della Carta dei diritti”

A Bologna i riders sono infuriati: Domino's pizza ha firmato la Carta dei diritti, fingendosi 'riders freindly', ma poi ha fatto di tutto per lucrare sul maltempo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Riders infuriati, a Bologna, per il comportamento di una delle piattaforme di food delivery che ha firmato la Carta dei diritti del lavoro digitale: si tratta di Domino’s pizza, accusata dai fattorini di non aver sospeso il servizio durante l’ultima nevicata (venerdì) e di avere, anzi, colto l’occasione del maltempo per farsi pubblicità. “Negli scorsi giorni, in seguito alla nevicata che ha colpito Bologna- scrive la sigla Riders Union su Facebook- abbiamo denunciato la mancata chiusura del servizio da parte delle multinazionali del food delivery che, ancora una volta, non hanno avuto nessuno scrupolo a scegliere il guadagno, mettendo in serio pericolo la vita di chi è indotto a lavorare in condizioni proibitive”.

I riders bolognesi: “Ora basta pagarci quattro euro l’ora”

Tra queste aziende “c’è anche Domino’s pizza, piattaforma firmataria della Carta dei diritti fondamentali dei lavoratori nel contesto urbano- continua il post- che oltre a non aver chiuso il servizio (come previsto dalla Carta in caso di allerta meteo) ha messo su un’agghiacciante campagna pubblicitaria dove vengono promossi sconti e offerte durante la nevicata”. I riders pubblicano anche l’avviso contestato, in cui si legge: “Per resistere al freddo e alla neve vogliamo darvi un consiglio: cenetta con una fumante Domino’s? Ordina ora“.

Per Riders Union “non c’è da stupirsi: dal momento che il servizio è aperto perché non ottimizzare i guadagni? Noi riteniamo, insieme alle lavoratrici ed ai lavoratori di questa azienda, che tutto questo sia inaccettabile”. Ma non è tutto, continua la sigla autonoma dei fattorini: “La stessa azienda che si è fregiata della firma della Carta dei diritti, sponsorizzandosi implicitamente come ‘riders friendly’, non solo sta contravvenendo ai vincoli di quell’accordo, ma sta violando i termini dei contratti somministrati ai propri lavoratori, non pagando gli straordinari, non rendendo spesso visibili le buste paga, costringendo a svolgere mansioni non previste, spesso e volentieri caricando i lavoratori nonostante la fortissima carenza di organico”.

Per questi motivi “i dipendenti di Domino’s hanno deciso di convocare un’assemblea sindacale, come previsto dalla Carta dei diritti- riferisce Riders Union- ma sono giorni che l’azienda non risponde, manifestando il proprio ‘fastidio’ ai singoli lavoratori che si ritrovano a sentirsi minacciati da una politica aziendale inaccettabile. Questi ricatti devono finire. L’azienda ha preso visione della richiesta legittima delle lavoratrici e dei lavoratori ed è tenuta a rispondere di questo e delle condizioni in cui versano i propri dipendenti negli store presenti qui a Bologna”. In calce al post, Riders Union invita i fattorini a mobilitarsi: “I dipendenti di Domino’s che hanno dei timori ad esporsi, per possibili ritorsioni da parte dell’azienda, possono contattarci a questo indirizzo mail ([email protected]) in modo da poter entrare in contatto con i colleghi che stanno prendendo l’iniziativa”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

16 Dicembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»