VIDEO | Arriva ‘ValeVale’, lezioni di sport per bimbi in quarantena

Adriana Riccio, campionessa di Taekwondo, ha ideato una piattaforma online che offre lezioni con atleti in diretta
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Non si può pensare di tenere i bambini seduti tutto il giorno e non tutti hanno il giardino o chissà che spazi. Bisogna stare attenti alla sedentarietà e trovare degli escamotage”. È l’obiettivo della piattaforma online ValeVale, che offre lezioni di sport con professionisti, in diretta, e lezioni ad hoc per bambini e genitori.

LEGGI ANCHE: Troppo grassi: in Italia un bimbo su cinque è in sovrappeso, uno su dieci è obeso

Un’idea tanto più necessaria in questa fase storica, con la pandemia, che Adriana Riccio, sportiva e ideatrice della piattaforma ValeVale, ha presentato a DireDonne. “Ci sono lezioni specifiche per bambini che possono essere momenti di allenamento, ma anche di gioco. Si può interagire con l’insegnante e coinvolgere genitori o fratelli e sorelle. Ci sono insegnanti che si occupano principalmente di questo – ha spiegato – ed è anche questo un modo per sollevarci da questo momento e traghettarci oltre”.

LO SPORT PROTEGGE DALLE STRADE SBAGLIATE

Adriana Riccio, atleta medagliata, che per 25 anni ha praticato da professionista Taekwondo ITF, proprio dall’esperienza sportiva ha tratto ispirazione per la piattaforma ValeVale che mette insieme allenamento, recupero e inclusione sociale. Con questo spirito del resto è entrato lo sport nella sua vita: “Facevo molti sport e quando sono arrivata in adolescenza – ha ricordato – a scuola c’erano bande di bulli. Lo sport ti dà una regola, è un contenitore” che protegge dalle strade sbagliate e può rappresentare molto più che un semplice allenamento fisico.

LEGGI ANCHE: VIDEO | Lo psicologo: “Lo sport aiuta i bambini a crescere, no alla paura del Covid”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

16 Novembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»