VIDEO | A Trieste in migliaia ai funerali dei poliziotti uccisi

Grande commozione di folla e Autorità. Il vescovo: "Rimarranno sempre figli delle stelle"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

TRIESTE – Sono arrivate alle 11.30 alla chiesa di San Antonio Taumaturgo di Trieste le salme di Matteo Demenego e Pierluigi Rotta, uccisi il 4 ottobre scorso nella sparatoria avvenuta nella Questura del capoluogo regionale. Il funerale è celebrato dal vescovo Gianpaolo Crepaldi, alla presenza dei famigliari dei due agenti, le autorità locali e regionali, il presidente della Camera, Roberto Fico, i ministri Luciana Lamorgese e Stefano Patuanelli, il capo della Polizia, Franco Gabrielli, e i parlamentari Ignazio La Russa ed Ettore Rosato. Fuori dalla chiesa una folla di migliaia di cittadini stretti attorno ai picchetti di Polizia, delle forze dell’ordine e delle unità di soccorso.

“La Polizia si muove quotidianamente alla velocità della vita e alla velocità delle nostre città”. Esordisce così il questore di Trieste, Giuseppe Petronzi, l’unico a prendere la parola oltre al vescovo Gianpaolo Crepaldi, alla cerimonia funebre di Matteo Demenego e Pierluigi Rotta.

“Matteo e Pierluigi, ragazzi eccezionali ed esperti operatori di volante, si erano già distinti nell’arrivare un istante, un attimo prima- continua Petronzi-. Come pochi giorni fa quando avevano salvato la vita a un giovane che stava per lanciarsi nel vuoto. Uno dei tanti episodi della quotidianità delle forze di polizia che non assurgono all’onore della cronaca”.

Il questore ha poi ringraziato la mobilitazione della comunità nel lutto delle famiglie e degli colleghi della Polizia. “Il dolore è inevitabile, arrendersi sarebbe per sempre”. Nel salutare la “volante 2, alla sua ultima uscita”, il questore ha ceduto all’emozione, e con voce tremolante, accompagnata da un lungo applauso dentro e fuori dalla chiesa di Sant’Antonio, conclude citando i due agenti: “Dormite sonni tranquilli, qui ci siamo noi”.

IL VESCOVO: RIMARRANNO SEMPRE FIGLI DELLE STELLE

“Con la gioiosa maturita’ dei vostri trent’anni, invitavate i cittadini di Trieste a dormire tranquilli, perche’ a vigilare sulla loro sicurezza c’eravate voi che vi definivate ‘figli delle stelle’. Cari Matteo e Pierluigi, anche dopo questo addio, per Trieste voi resterete i luminosi figli delle stelle”. Conclude con queste parole il saluto a nome della citta’ di Trieste il vescovo Gianpaolo Crepaldi. Parole ispirate dagli stessi agenti in un video pubblicato su internet, e registrato durante un servizio notturno della Volante 2.

Il funerale si e’ concluso con un lungo applauso nella piazza antistante mentre sfilavano le due bare, tra le lacrime dei famigliari e dei colleghi della Polizia. I funerali verranno celebrati anche nei paesi di origine dei due poliziotti. Domani a Velletri quello di Demenego, e venerdi’ il saluto a Rotta verra’ dato a Giugliano.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

16 Ottobre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»