Di Maio: “Salvini riferisca in parlamento sulla Russia, incontro con sindacati per sviare l’attenzione”

"Penso che più ci si negherà a questa possibilità di chiarire come sono andati i fatti e più se ne parlerà"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Chi vuole incontrare i sindacati lo può fare, quello che però mi dà noia in questo momento è che lo si faccia per sviare da una questione molto più grande, che è quella di un vice primo ministro che secondo me deve andare a riferire in Parlamento sulla questione Russia. Sono sicuro che ci andrà, e così ci darà anche modo come maggioranza di difenderlo”. Lo dice riferito a Matteo Salvini il vicepremier Luigi Di Maio, a margine dell’inaugurazione del nuovo hub logistico di Poste Italiane alle porte di Bologna.

Continua Di Maio interpellato sulla vicenda russa: “Quando il Parlamento chiama è giusto che un ministro, un premier, un vicepremier, un sottosegretario risponda. Soprattutto se si ritiene di essere strumentalizzati, ben venga un chiarimento in Parlamento. Parlare davanti al Parlamento è l’occasione per chiarire su una questione agli italiani, non solo ai parlamentari”.

E quindi sprona Di Maio riferito all’alleato di Governo: “Personalmente, penso che più ci si negherà a questa possibilità di chiarire come sono andati i fatti e più se ne parlerà. Io voglio parlare di lavoro, di imprese, di innovazione, di startup, di artigiani da supportare e di esportazioni, di priorità per il Paese. Non voglio passare il tempo- conclude il ministro dello Sviluppo economico- a parlare di un caso per il quale la Lega dice ‘è soltanto un fuoco di paglia’. Ben venga il chiarimento in Parlamento”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

16 Luglio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»