Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Lanzoni (Pangea): “Il bambino di Pisa prelevato come un criminale”

La vicepresidente della Fondazione scrive una lettera al premier Draghi e ai ministri Cartabia, Lmorgese, Bonetti e Orlando
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Gentile primo ministro Draghi, gentile ministre Cartabia, Lamorgese, Bonetti e ministro Orlando, come può uno Stato che ha ratificato la Convenzione sui diritti del fanciullo avallare ancora oggi situazioni come quanto è successo a Pisa, dove un bambino di 8 anni è stato prelevato in maniera forzata dalla propria abitazione e portato via dalla madre da 11 poliziotti insieme ai servizi sociali come se, rinchiuso in quella stanza, non ci fosse un bambino ma un criminale? Nel provvedimento del Tribunale di Pisa si stabilisce la collocazione presso l’abitazione del padre in Sicilia, dove il bimbo non aveva mai vissuto e dove si recava abitualmente e non voleva più andare. Nel provvedimento c’è il riferimento a quella ‘madre ostativa’ senza tenere conto della volontà del minore e del perché questo bambino non sia più voluto andare in Sicilia dal padre. Siamo stanchi di sentir dire che le madri sono l’ostacolo alla giustizia. Non nascondiamoci sempre dietro a loro e dietro il principio di bigenitorialità. L’interesse superiore del minore dovrebbe essere l’ago della bilancia di ogni decisione relativa alla vita dei bambini”. È cosi che Simona Lanzoni, vicepresidente di Fondazione Pangea, chiede ai ministri delle risposte rispetto a quanto successo ieri a Pisa.

“Fondazione Pangea Onlus da sempre si occupa di tutelare i diritti dei bambini e delle bambine, crediamo nella giustizia pertanto– conclude- chiediamo che lo Stato faccia la sua parte“.

LEGGI ANCHE: Bambini sottoposti a barbarie. Ministra Cartabia intervenga sui prelievi dei minori

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»