Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Tg Politico Parlamentare, edizione del 16 giugno 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

COVID, POLEMICA SULLA PROROGA DELL’EMERGENZA

Lo stato di emergenza per la lotta al Covid in Italia non cesserà il 31 luglio. Secondo le prime ipotesi, potrebbe essere prorogato al 31 dicembre prossimo. Sarebbe questa l’intenzione del premier Mario Draghi per contrastare il pericolo varianti. Dalla proroga dello stato di emergenza dipende infatti la continuita’ dell’azione commissariale. Contraria parte della maggioranza di governo, a cominciare da Matteo Salvini, che incalza l’esecutivo anche sul tema varianti. Il leader del Carroccio torna a chiedere un incontro con il premier, dopo quello della settimana scorsa, ma questa volta a proposito degli ingressi di migranti in Italia. “L’Italia ha bisogno di turisti che pagano, non di barconi”, ha detto il leghista sottolineando che dieci persone arrivate a Lampedusa sono risultate positive alla variante delta.

CRESCE LA POVERTA’ ASSOLUTA, ANCHE AL NORD

Nel 2020 cresce la povertà assoluta in Italia: più di due milioni di famiglie, pari a oltre 5 milioni e mezzo di persone, vivono una condizione di grande difficoltà. A riportarlo e’ l’Istat, secondo cui la pandemia fa segnare un livello critico mai registrato negli ultimi 15 anni. A farne le spese le famiglie più numerose e i minori: sono un milione e trecentomila i bambini e i ragazzi costretti a standard di vita inaccettabili. Il Covid ha colpito duramente anche le condizioni economiche degli stranieri, il 30% degli immigrati vive sotto la soglia della povertà. Il reddito di cittadinanza ha alleviato l’impatto della crisi e spicca il dato del Nord Italia che peggiora più del Mezzogiorno. L’istruzione resta un’àncora di salvataggio: la diffusione della povertà diminuisce al crescere del titolo di studio.

PARTITO UNICO E COMUNALI, TENSIONE NEL CENTRODESTRA

Nervi tesi nel centrodestra. La proposta di un partito unico rilanciata da Silvio Berlusconi non piace a Matteo Salvini né a Giorgia Meloni. “Un partito creato a tavolino dalla sera alla mattina non funziona”, dice Matteo Salvini. “La proposta non ci scalda e non ci interessa”, fanno sapere da Fratelli d’Italia. E Anche dentro Forza Italia c’è chi guarda con scetticismo all’idea di Berlusconi. La ministra Maria Stella Gelmini sottolinea che la strada verso il partito unico e’ complicata, si tratta di una suggestione. Ma Forza Italia deve essere rilanciata, dice. Il clima nella coalizione non favorisce gli accordi sulle amministrative a cui il centrodestra sta ancora lavorando. Le elezioni a Milano e in Calabria i nodi piu’ importanti. “Chiuderemo entro la settimana”, assicura Salvini.

120 ANNI DI FIOM, I LAVORATORI FANNO LA STORIA

La difesa del lavoro 120 anni dopo. La Fiom celebra il suo compleanno all’università di Roma Tre, luogo simbolico, ex stabilimento Alfa Romeo. La prima donna a guidare i metalmeccanici, Francesca Re David, rammenta con orgoglio un pezzo “della storia dei lavoratori e dell’industria di questo Paese” e rilancia la battaglia per la proroga dello stop ai licenziamenti che scade a fine mese. “In piazza ci faremo sentire”, assicura la sindacalista. Il presidente della Camera, Roberto Fico, sottolinea il “contributo imprescindibile del sindacato” per “definire soluzioni adeguate alle grandi sfide che ci attendono”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»