hamburger menu

In arrivo 2,1 milioni di euro per i servizi creativi, culturali e turistici delle aree rurali

Il bando prevede interventi per la realizzazione di centri logistici, strutture per l'infanzia e la terza età e sostegno alle fasce deboli

16/05/2022
aree rurali

L’AQUILA – Un avviso pubblico relativo all’intervento 7.4.1 su “Investimenti nella creazione, miglioramento o espansione di servizi di base locali per la popolazione rurale”, previsto nel programma di sviluppo rurale (Psr) 2014-2022 è stato pubblicato nei giorni scorsi sul sito della Regione Abruzzo in seguito alla determinazione del dipartimento Agricoltura. La dotazione finanziaria è di 2,1 milioni di euro, la scadenza dei termini è fissata per il prossimo 30 settembre e la domanda va presentata a partire dalla data di effettiva apertura sul Sistema Informativo agricolo nazionale (Sian) delle funzioni di compilazione e trasmissione telematica, data che sarà resa nota mediante avviso pubblicato sul sito istituzionale della Regione Abruzzo, nella sezione ‘Agricoltura’.

A CHI È RIVOLTO IL BANDO

I destinatari dell’avviso sono gli enti pubblici (singoli o associati), le fondazioni che non svolgano attività economiche, cooperative sociali e associazioni senza fini di lucro. Il bando è applicabile su tutto il territorio della Regione Abruzzo, nelle aree C “Aree rurali intermedie” e D “Aree rurali con problemi di sviluppo” come individuate nella “Zonizzazione 2020” del Psr 2014-2022. La sottomisura 7.4 è finalizzata al “Sostegno a investimenti finalizzati all’introduzione, al miglioramento o all’espansione di servizi di base a livello locale per la popolazione rurale, comprese le attività culturali e ricreative e della relativa infrastruttura”.

UN SUPPORTO PER LA QUALITÀ DELLA VITA

Il sostegno e lo sviluppo delle aree rurali, una realtà nel nostro Abruzzo, con il miglioramento e il potenziamento dei servizi per la popolazione anche nell’ambito ricreativo, culturale e anche turistico, è destinato a rafforzare e supportare la qualità della vita e l’attrattività del comparto agricolo e quindi dei suoi addetti e delle aziende. Questa misura quindi assume una rilevanza ancora più importante se si considera il territorio abruzzese e la incidenza dell’agricoltura a livello sociale ed economico. Nello specifico prevede interventi finalizzati alla realizzazione di: centri logistici multifunzionali per l’erogazione di servizi nelle aree rurali; strutture per il welfare rivolte all’infanzia, alla terza età, al sostegno della popolazione con handicap, delle fasce deboli o temporaneamente in difficoltà; strutture e servizi culturali (musei, biblioteche, mediateche, centri polivalenti); strutture e servizi per il tempo libero e lo sport.

L’intervento 7.4.1 del Psr 2014-2022 contribuisce prioritariamente al perseguimento degli obiettivi relativi al Focus Area 6B, “Stimolare lo sviluppo locale nelle zone rurali”, e risponde, in particolare, ai seguenti fabbisogni: “Accrescere la capacità dei territori di proporre un’offerta turistica integrata”; “Incrementare la qualità della vita nelle aree rurali, l’attrattività dei territori rurali e i servizi per fronteggiare i mutamenti demografici”.

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-05-16T12:41:08+02:00