Crimi: “Non esiste un altro governo, ma sul Mes no al vincolo di maggioranza”

Il capo politico del M5s intervistato dal Fatto Quotidiano commenta le tensioni in maggioranza
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Non esiste un governo diverso da questo, e di rimpasto di parla dal giugno 2018. Ma in due anni si e’ solo dimesso un ministro: cambi della squadra non sono pensabili. Forse qualcuno parla di rimpasto per mettere in difficolta’ il suo stesso partito…”. Cosi’, intervistato dal Fatto Quotidiano, il capo politico del Movimento 5 Stelle Vito Crimi.

Poi, aggiunge: “Con Italia Viva le distanze c’erano e ci sono. Ma in una fase come questa dobbiamo lavorare tutti assieme”.

Per quanto riguarda le dichiarazioni di ieri al quotidiano ‘La Stampa’ del segretario dem Nicola Zingaretti, Crimi commenta: “Sono rimasto sorpreso e dispiaciuto. Penso che il M5S stia molto bene, e che Zingaretti forse abbia detto quelle cose per distogliere l’attenzione dalle difficolta’ del suo partito, con tutte le sue anime diverse. Ci siamo sentiti e chiariti- aggiunge- mi ha assicurato che non c’era ostilita’, e che lavora per rendere ancora piu’ solido il rapporto con noi, per il Paese”.

Per quanto riguarda il Mes, “su un tema che puo’ impegnare il Paese per i prossimi dieci anni devono decidere i parlamenti. Sul Mes non puo’ esserci un vincolo di maggioranza“.

“Il nuovo testo sul fondo parla di un sistema di allerta che scatterebbe per i Paesi che non dovessero restituire il prestito. E se c’e’ un sistema di allarme ci sono anche delle conseguenze, quindi condizionalita’. Ci dovranno spiegare quali, ma noi restiamo sul no al Mes”, aggiunge.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

16 Maggio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»