Il motociclista Oddera e Spiderman sorprendono i bimbi del Gaslini di Genova

spiderman gaslini genova
Lo spettacolo inaspettato ha rallegrato la giornata dei piccoli pazienti ricoverati nei reparti di clinica pediatrica, nefrologia, ematologia e oncologia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

GENOVA – Neanche il Covid è riuscito a tenere Spiderman lontano dai bambini ricoverati nel reparto di oncologia dell’ospedale pediatrico Gaslini di Genova. Dall’inizio della pandemia, il nosocomio è stato costretto a sospendere le visite di intrattenimento che allietavano i piccoli ricoverati all’interno dei reparti. È nata così l’idea di arrivare ai piccoli direttamente dalle finestre: una gru ha issato il motociclista Vanni Oddera, accompagnato dal suo collega Maurizio Gerini e da Mattia Villardita, nei panni del supereroe Spiderman, davanti alle finestre dei reparti di clinica pediatrica, nefrologia, ematologia e oncologia.

Uno spettacolo inaspettato e coinvolgente per i bambini che hanno passato una mattinata diversa, con i loro beniamini davanti alle finestre, ricevendo anche regali e gadget: maglie, cappellini e album da disegno, nel pieno rispetto delle norme anti Covid.

Vanni Oddera, motociclista savonese campione di motocross freestyle, ha inventato la mototerapia nel 2009 lungo i corridoi dei reparti di ematologia e oncologia dell’ospedale pediatrico genovese e, da allora, ogni anno ha regalato visite, esibizioni di salti acrobatici con la sua moto, feste, donazioni e molte altre iniziative per sostenere il cammino dei piccoli malati oncologici. Dal 2012 è nata una vera e propria collaborazione con l’ospedale Gaslini, grazie al progetto “Freestyle Hospital”, esportato in 80 ospedali in Italia e due ospedali a Londra. Nell’aprile del 2020, in pieno lockdown, Oddera ha lanciato la “mototerapia take-away”, che permette di portare le moto direttamente a casa dei ragazzi: in un anno, oltre 50.000 disabili riceveranno la visita del campione del mondo, con attività sempre più coinvolgenti.

LEGGI ANCHE: Gli infermieri contro Toti: “Farmacisti per vaccinare? Pericoloso per possibili reazioni avverse”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»