Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Scambisti in crescita, in Italia sono due milioni

Aumentano in Italia gli scambisti che attualmente sarebbero due milioni, circa una coppia su quattro. A dichiararlo ai microfoni di Radio Cusano Campus,
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Aumentano in Italia gli scambisti che attualmente sarebbero due milioni, circa una coppia su quattro. A dichiararlo ai microfoni di Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università degli studi Niccolò Cusano, la sessuologa Rosamaria Spina.

Tre profili di coppie scambiste

Pratica scambismo in modo regolare una coppia su quattro– ha spiegato- Ci sono molte persone che amano dedicarsi a questa pratica e a questa attività. Esistono tre profili di coppie che si dedicano a questa attività. Quello della coppia in crisi che cerca attraverso una pratica più trasgressiva di ritrovare l’intesa. Questa però si rivela spesso una soluzione fallimentare. Il secondo profilo è quello in cui realmente lo scambismo funziona. Accade in una coppia in cui già di base c’è grande intesa, grande intimità, si cerca qualcosa di diverso, adrenalina, appagamento sessuale, novità. Qui realmente lo scambismo è vissuto come un’esperienza di coppia. L’esperienza viene condivisa. La terza tipologia di coppia è rappresentata dalle coppie over 50, che stanno insieme, si trascinano, non vogliono lasciarsi ma non hanno sufficienti stimoli dal punto di vista sessuale. E allora cercano di trovarli fuori, mantenendo un’unione di coppia solo apparente. Lo scambio di coppia può essere anche un veicolo per provare dei rapporti omosessuali”.

La pornodipendenza

“E’ in aumento anche tra le donne. Oggi abbiamo anche un materiale pornografico rivolto al popolo femminile, con caratteristiche differenti rispetto alla pornografia tipicamente maschile. Questo ha permesso alla donna di avvicinarsi al porno, ha superato tanti tanti tabù e ha molte curiosità che vuole soddisfare”.

Le premature morti nel mondo del porno

“Qui c’è da dire che il mondo del porno rispetto a quello che noi possiamo vedere è molto diverso. Per avere determinate prestazioni ci sono delle situazioni che trascendono anche da quelle che possono essere situazioni di normalità. C’è un grande uso di sostanze sia tra gli uomini che le donne sia per mantenere le prestazioni che per riuscire a sottoporsi a lunghe ore di registrazioni e questo crea una seria di scompensi importanti“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»