A Natale boom dei sexy shop, i “traditori” sono i migliori acquirenti

ROMA – A Natale si è registrato un boom dei sexy toy. A dirlo è un sondaggio realizzato da Incontri-ExtraConiugali.com,, il portale dedicato a chi cerca un’avventura al di fuori della coppia, che ha osservato come su un campione di mille uomini e mille donne di età compresa tra i 18 ed i 60 anni, quasi un italiano su 3 ha comprato tanti ‘giochini divertenti’ da mettere sotto l’albero dell’amante.

Secondo i dati raccolti dal sito più sicuro dove cercare un’avventura in totale discrezione e anonimato, il 30% degli italiani ha infatti regalato o si è auto-regalato un sexy toy, con un incremento del 20% rispetto all’anno precedente degli acquisti da parte delle donne.

 “Si tratta di un business da 18 miliardi di euro che e a quanto pare ha avuto dei picchi proprio nel periodo natalizio”, commenta Alex Fantini, fondatore di Incontri-ExtraConiugali.com. Insomma gli italiani hanno messo sotto l’albero anche sexy gadget: dai vibratori evoluti alla lingerie provocante, dai gel ritardanti per lei o per lui agli oli per i massaggi. Ma anche molti costumi per giochi di ruolo ‘hot’ ed articoli che si rifanno alla saga dei film ‘Cinquanta Sfumature’.

 “Sovente gli amanti a Natale si sentono messi da parte e per sopravvivere allo stress ed alla lontananza dal partner prediligono un dono passionale, da fare o da farsi”, spiega ancora il fondatore di Incontri-ExtraConiugali.com.

Per aggiungere pepe al rapporto impazza dunque la moda del dono erotico. Ed ora, con i saldi, questa tendenza prosegue anche dopo il Natale. “Molti portali specializzati regalano perfino coupon con sconti anche fino al 50%”, aggiunge Alex Fantini.

Il fenomeno dei sexy toy

Il sesso così non è più un tabù. Ma come è possibile che i sexy toy siano diventati socialmente accettati anche in Paesi conservatori come l’Italia? “Probabilmente grazie ai sexy shop automatici, distributori senza commessi, dotati di un ingresso nascosto e di un semaforo verde o rosso che indica la presenza di qualcuno all’interno. Qui si entra solo uno alla volta ed anche le più timide si sentono a proprio agio. Sono questi nuovi negozi automatici che hanno fatto diventare il sexy toy un simbolo femminista di appropriazione del piacere sessuale della donna”, risponde il fondatore di Incontri-ExtraConiugali.com.

Gli acquisti su Internet

Certo a far conoscere e ad aumentare la clientela dei sexy shop ha molto contribuito anche Internet. Nel 2018 continuerà ad andare forte il web, ma cresceranno nel gradimento dei traditori – e più in generale delle coppie – i negozi non specializzati come supermercati, farmacie e ‘concept store’ che offrono al cliente un’esperienza più ampia sull’erotismo.

 “E sono proprio i negozi non specializzati che hanno iniziato a vendere prodotti dedicati al sesso ad avere contribuito a ridurre i tabù”, conclude Alex Fantini.

Nella graduatoria dei gadget più richiesti stilata da Incontri-ExtraConiugali.com, tra i prodotti più venduti si posizionano ai primi posti le farfalline che vibrano, le palline erotiche, il calco di Rocco Siffredi ed altre riproduzioni falliche. I filmini hard, che tanto andavano degli anni ottanta e novanta, sono invece oggi tra i meno richiesti.

15 Gennaio 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»